• Share
  • OkNotizie
  • +5
  • -1

Di Candido Romano | 17.12.2012 14:18 CET

IBM predice il futuro: touch screen "reali" e computer simili al cervello umano Watch Video

IBM azzarda e predice il futuro, rilasciando un video dal titolo "5 in 5″, che passa in rassegna le maggiori innovazioni tecnologiche che potranno essere sviluppate nel corso dei prossimi cinque anni. Innovazioni che potrebbero cambiare per sempre la vita delle persone: tecnologie in grado di sentire gli odori, i sapori, tutto collegato ai cinque sensi dell'uomo.

Seguici su Facebook

L'assunto potrebbe aprire la strada a un modo diverso riguardo l'approccio e l'interazione tra uomo e macchia. I computer moderni non sono altro che potenti calcolatori: e se una macchina ci permettesse di "sentire" con il nostro tatto un tessuto di un abito prima di acquistarlo online? Il mercato dell'e-commerce cambierebbe radicalmente. Bene, per IBM tutto questo, e molto altro, potrebbe avvenire nei prossimi cinque anni.

Computer con cui "sentire" il tocco


Anche se comprare online è diventata una pratica comune è sempre molto difficile e scomodo ad esempio scegliere un abito solo dalle immagini. Molti di noi vorrebbero toccare il tessuto prima di acquistare. Una tecnologia del futuro potrebbe permettere agli acquirenti di simulare i tessuti tramite il proprio smartphone, che grazie alla pinzoelettricità ripropone la vibrazione e la temperatura di un tessuto, proprio sul touch screen. "Immaginate di avere pixel molto fini e che ciascuno può essere riscaldato e fatto vibrare per simulare la sensazione della stoffa", dichiara Bernie Meyerson, VP ogf Innovation in IBM.

 


Guardare la foresta, non solo gli alberi

 

Anche gli odierni e potenti computer impiegano tempo per rasterizzare un'immagine al fine di analizzarla. E se la macchina potesse realmente "vedere" e capire l'immagine per ciò che rappresenta e non più decifrarla solo come un ammasso di pixel? La differeza sarebbe epocale: ora i computer leggono le immagini, in futuro potrebbero capirle, similmente a come fa il cervello umano. Se diamo fondo alla nostra immaginazione ad esempio il computer del futuro potrebbe monitorare le immagini digitalizzate di una persona nel corso del tempo per osservare e rilevare modifiche che potrebbero indicare una condizione di salute che, presa in tempo, potrebbe salvare delle vite.


Sentire i rumori

 

Una macchina in grado di sentire, proprio come fa l'orecchio umano. Un computer che sente le parole, la musica e vari input, ma soprattutto in grado di ricordare e imparare da tutto questo. "Non si tratta solo di sentire le parole, ascoltare vuol dire percepire anche i rumori di fondo. Se una persona chiama col cellulare in auto e si trova in una macchina con un motore funzionante a 2.000 giri al minuto, questa nuova tecnologia potrebbe capire e segnalare se il guidatore è bloccato nel traffico o in movimento", spiega Meyerson.


Sapore digitalizzato

 

Una macchina in grado di sentire i sapori, questa tecnologia è già in sviluppo con l'app Foofpairing: "Scomponendo il sapore nelle sue componenti molecolari è stato compilato un database che corrisponde al sapore di tutti gli ingredienti di un determinato cibo. Questa tecnologia sarebbe in grado di identificare un vegetale o ingredienti a base di pesce che rafforzano il sapore di diverse carni". La comprensione degli elementi chimici del cibo potrebbe aiutare le persone a scegliere cibi con sapori simili ma magari meno dannosi per la salute.


La tecnologia che sente gli odori

 

Analizzare l'alito è sicuramente una maniera sicura utilizzata dalle forze dell'ordine per capire se un guidatore è ubriaco. Ma se lo smartphone del futuro dirà in anticipo che si sta per prendere un forte raffreddore? I medici potrebbero addirittura diagnosticare le malattie in remoto e prescrivere un trattamento. Questa tecnologia potrebbe anche rilevare minuscole quantità di tossine nell'ambiente, con importanti implicazioni per la salute pubblica.

Di certo alcune di queste tecnologie, forse, non saranno mai sviluppate. Delle predizioni di IBM dell'anno scorso, infatti, solo alcune sono arrivate a compimento. Una cosa è certa: se solo una di queste nuove visioni dovesse vedere la luce l'interazione con le macchine cambierà per sempre.

LEGGI ANCHE

S amsung Galaxy S4 e Note 3 da 6,3 pollici: addio schermi flessibili?

Profezia Maya: la N ASA spiega in video perchè il mondo non finirà

I BM: display flessibili e nanofotonica, la rivoluzione di Big Blue

[Fonte: GigaOM]

IBM
(Foto: Reuters / )
Il futuro epr IBM è il cognitive computing
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +5
  • -1

Partecipa alla discussione

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci