• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Sara Rotondi | 20.12.2012 16:45 CET

Il decreto legislativo sulle liste pulite, ovvero sullo stop alla candidatura per i condannati in via definitiva ad almeno due anni che doveva incassare l'ok definitivo nella riunione del governo, non ottiene il parere richiesto dalla commissione Bilancio del Senato.  La conferma arriva anche dal ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri secondo cui il presidente Azzolini non avrebbe dato la liberatoria per il parere. Il decreto legislativo non approda dunque in Consiglio dei ministri.

Seguici su Facebook

Il titolare del Viminale ha sottolineato "la grandissima sensibilità e attenzione della Camera e delle due commissioni del Senato" che hanno già espresso il parere sul provvedimento, una misura definita da molti 'epocale', e si è detta ottimista  sull'unico passaggio mancante, dal momento che "non è un provvedimento di spesa". Intanto si alza il coro di protesta. Il Pd in prima linea: "O il decreto sulle firme per le elezioni resta com'è stato varato dal governo o per il Pd può anche decadere" spiega Michele Ventura del Pd che ha detto alla conferenza dei capigruppo. "Il decreto deve restare quello che è, senza modifiche - sottolinea  - Diversamente non ne garantiamo la conversione".

Leggi anche:

Decreto firme: spunta emendamento salva 'La Russa' 

Scalata Bnl-Unipol, chiesto 1 anno per Silvio Berlusconi

Napolitano:"Si vada alle urne al più presto"

"Non muoio neppure se mi ammazzano", parola di Grillo

 

 

Liste pulite, il decreto frena al Cdm
(Foto: Reuters / Tony Gentile)
Un'immagine della Camera dei deputati
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci