CALCIOMERCATO NAPOLI: ARMERO e CALAIÒ in stand-by; serve DE LAURENTIIS per sbloccare la situazione

Di Maurizio Varriale | 05.01.2013 12:23 CET
Dimensione testo + -

Sono di fatto due giocatori del Napoli, ma per il momento solo virtualmente. E sì, perché Pablo Armero ed Emanuele Calaiò non vedono l'ora di indossare la casacca azzurra, ma per farlo dovranno attendere con ogni probabilità la settimana prossima. Ossia quando Aurelio De Laurentiis tornerà dalle sue vacanze invernali e potrà prendere piena conoscenza della situazione del mercato.

Seguici su Facebook

PICCOLO SACRIFICIO L'incontro tra i procuratori di Armero e il ds del Napoli Riccardo Bigon non ha sortito gli effetti sperati. Nessuna fumata bianca a causa di una differenza tra domanda e offerta. Il colombiano chiede 1,5 milioni annui per quattro stagioni, mentre il club azzurro pare intenzionato ad arrivare a 1,3, come riferito da Tuttosport. Una distanza per nulla incolmabile, ma che per ora non ha permesso di  mettere nero su bianco la firma del giocatore sul contratto. Tra i due club c'è massima sintonia, avendo trovato l'accordo per una comproprietà a 4 milioni.

MANCA LA FORMULA Un po' più spinoso, invece, il caso di Calaiò. Le due società stanno trattando sulla formula della cessione. Il Napoli vorrebbe il giocatore in prestito oneroso fino a giugno per poi decidere se acquistarlo interamente; il Siena invece spinge per la cessione immediata del 100 per cento del cartellino del suo attaccante per una cifra intorno ai 2,5 milioni di euro. Una questione rimasta in sospeso e che dovrà essere risolta direttamente da De Laurentiis. Passano da lui i prossimi sviluppi di un mercato che per il Napoli comincia a diventare estremamente movimentato.

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli
( Foto : Flickr / Uk in Italy )
Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci