• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • -1

Di Claudio Forleo | 07.01.2013 15:38 CET

La base, quello zoccolo duro rimasto a fianco della Lega Nord nonostante lo scandalo Belsito, i rimborsi pazzi in Lombardia e tanto altro.  Roberto Maroni sapeva da tempo almeno due cose: la prima è che non può fare a meno di Berlusconi se vuole prendere il posto di Formigoni al Pirellone. La seconda è che dopo l'annuncio di oggi quella stessa base gli si sarebbe rivoltata contro.

Seguici su Facebook

La rabbia del popolo leghista si è riversata sulla pagina Facebook dell'ex ministro dell'Interno. Non solo commenti negativi, c'è chi "pur di vincere" non rinnega il pragmatismo del leader. Ma nel complesso le reazioni sono state rabbiose. E altri utenti hanno sostenuto di essere stati censurati per i loro commenti critici.

"La mia tessera da militante finirà nel cestino, addio Lega". "Maroni peggio di Bossi!","Complimenti per aver firmato la fine della Lega", "La Lega sta sbagliando strada! Ora Berlusconi pur di prendere voi vuole aprire anche ai gay!" ,"Che tristezza! Non ho parole", "Ho la sensazione di vivere le ultime ore da leghista e militante. Per qualche voto del Pdl perderemmo per sempre quelli di molti leghisti. Riflettici!", "Il Pdl è corresponsabile dello sfacelo del 2012 e di tutto ciò che ha fatto Monti. Quindi è abominevole allearsi con sta gente. Prima il nord ma senza il nano traditore del nord".

"E' omunque curioso che Roberto e Flavio (Tosi, sindaco di Verona, ndr) abbiano accettato una simile alleanza quando la stragrande maggioranza della base leghista rimasta non la vuole assolutamente". Rabbia sfogata anche via etere su Radio Padania.

Nonostante tutto Matteo Salvini,  segretario della Lega lombarda e braccio destro di Maroni, non rinnega la scelta: "Non vivo di certezze, invidio chi le ha sempre -  scrive su Facebook - Ma visto il momento, e visto che contro la Lega si sta schierando il peggio, penso che valga la pena di rischiare. E' giusto che ognuno abbia il suo pensiero, ma fatta la scelta si Corre tutti Insieme per Vincere".

Lega-Pdl, nuova alleanza
(Foto: Reuters / Tony Gentile)
L'allora premier Berlusconi tra gli ex ministri Maroni e Bossi
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci