• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Emiliano Ragoni | 13.01.2013 19:12 CET

CiRo
CiRo

Napoli è sicuramente una delle città più congestionate per quanto concerne il traffico. Proprio da questo semplice assunto prende spunto il progetto Ci.Ro., ideato dall'Ing. Carlo Cecconi e dal Dott. Giambattista Pignataro, che ha l'obiettivo di realizzare un sistema di mobilità urbana —ecosostenibile, condivisa e intelligente nella città di Napoli. 

Più notizie

Seguici su Facebook

Napoli non è certo tra le prima città d'Italia per quanto concerne la mobilità sostenibile (occupa il ventunesimo posto), alcune tipicità della città partenopea sono: elevata densità abitativa (8.179,62 ab/kmq,con 959.224 ab. e 117,27 kmq), sistema viario inadatto alla mobilità veicolare (limitata larghezza media delle strade), —congestione del traffico, elevato inquinamento ambientale ed acustico, alta concentrazione di artigiani e di piccole attività commerciali di vendita al dettaglio all'interno del centro storico e delle aree rientranti nella ZTL.

Ci.Ro. ha l'obiettivo di risolvere sia problematiche relative al trasporto di persone, sia problematiche che concernono trasporto merci, entrambe caratteristiche di Napoli, e vuole farlo attraverso l'istituzione di servizi condivisi.

Per trasporto di persone si intende dare supporto al trasporto pubblico con utilizzo in forma privata di mezzi condivisi. L'obiettivo è creare un'alternativa all'uso di un mezzo proprio ed un servizio di adduzione al mezzo pubblico mediante introduzione di logiche intermodali in ambito urbano. 

Per quanto concerne il trasporto merci si intende la volontà di realizzare un servizio di noleggio "lascia e prendi", ovvero in condivisione (van sharing) di furgoni con capacità di carico compresa tra i 650 ed 800 kg o, in termini di spazio, tra 3,5 e 5 mc. Si tratta, pertanto, di piccoli veicoli commerciali utili agli spostamenti in ambito cittadino. Per fare un esempio basti pensare ai mezzi utilizzati dai fruttivendoli, nella quasi totalità dei casi euro 1, che sono sempre in movimento.

Ma Ci.Ro. non si ferma qui. Tra gli obiettivo del progetto c'è anche quello di realizzare delle infrastrutture di servizio. L'infrastruttura di servizio è un luogo fisico, realizzata presso le aree di parcheggio, con le seguenti funzionalità:

  • E' progettato per produrre energia: la produzione di energia è a servizio del sostentamento della struttura ed occorre ad azzerare le emissioni in ambiente prodotte dalle ricariche dei mezzi elettrici.
  • E' una stazione di car e van sharing: le aree sono attrezzate con stazioni di ricarica. Veicoli furgonati e autovetture vengono condivisi  e messi in rete all'interno della cinta urbana.
  • E' un punto di contatto multimediale con Ci.Ro. e la PA: i box interattivi saranno funzionali all'accesso dei servizi Ci.Ro. ed al disbrigo di pratiche amministrative di limitato valore. Si vogliono introdurre ausili che facilitino l'accesso ai servizi di car e van  sharing  e che introducano pratiche di disbrigo procedure amministrative a km zero. Tale funzione costituisce un elemento strategico per la gestione del traffico.

Il progetto Ci.Ro. è stato realizzato seguendo dei precisi crismi scientifici ed effettuando un'analisi iniziale del contesto socio-economico. Innanzitutto si è partito dall'analisi dei principali punti di debolezza dei sistemi di car sharing, tra cui: difficoltà di accesso al servizio, scarse utilità di sistema, sostenibilità economica. L'obiettivo tecnologico è la progettazione e realizzazione di software ed hardware che mettano in relazione il servizio di mobilità con la fruizione del territorio e che permettano l'uso del sistema anche da parte di utenti occasionali.

L'obiettivo finale è l'introduzione di servizi di mobilità ecosostenibile interattivi e personalizzati. La base scientifica del sistema è l'analisi trasportistica e socioeconomica del contesto geografico, la trasformazione dei dati in algoritmi e l'introduzione di questi nella progettazione del software.

Ci.Ro. vuole inoltre introdurre delle tariffe etiche basate sullo status dell'utilizzatore e specifiche esigenze di utilizzo ed elementi di gestione delle flotte della PA. Vuole inoltre implementare sistemi di sub condivisione tra PA e classi sociali meno abbienti e sistemi di condivisione tra diverse tipologie di Enti Pubblici. 

Per quanto concerne le fasi sperimentali di Ci.Ro. attualmente sono in progetto: 3 punti Ci.Ro., un'analisi del sistema di flussi di traffico endogeno, analisi sistema flussi traffico esogeno, prototipo di sistema sulla interazione sistemi flussi di traffico esterni ZTL - area ZTL, prototipo di sistema sulla interazione sistemi flussi di traffico interni ZTL.

I numeri del progetto sono tutt'altro che marginali. Sono previsti 100 veicoli elettrici in condivisione, 20 destinati al trasporto merci (Van sharing) rivolta a: trasportatori occasionali - (acquisti ingombranti; traslochi fai da te ecc); trasportatori professionisti - (traslocatori, corrieri cittadini,ecc.); operatori commerciali; pubbliche amministrazioni. Questo particolare settore è considerato importante in quanto si ritiene potrà avere effetti positivi sulla gestione delle attività commerciali soprattutto interne alle ZTL. Tra gli altri numeri del progetto, Ci.Ro. prevede 80 veicoli ripartiti tra categorie quadri ciclo e autovettura 4 posti destinati a Car Sharing.

I servizi di Car Sharing sono rivolti a: residenti privati, operatori commerciali residenti, turisti, pubbliche amministrazioni. 

Questi i principali indicati di sistema:

rapporto ore/giorni per veicolo

3,5

n° ore annuo utilizzo veicoli

123.000

 km/ore annue

8,18

costo ipotetico ora per  8,18 km (€)

12,13

km totali percorsi in ambito urbano

1.000.209,50

minori immissioni di CO2 (kg)

 80.016,76

kwh risparmiati dal sistema mobilità integrata

 160.000,00

n. medio di minori veicoli in circolazione a motore termico/anno

360.000,00

Quindi, in defintiva, quali sono gli obiettivi e i benefici del progetto Ci.Ro.? Tra gli obiettivi del progetto ci sono: la riduzione delle emissioni dirette ed indirette in ambiente per effetto della riduzione generale degli spostamenti veicolari in ambito urbano, l'incremento dell'uso dei veicoli elettrici, il cui consumo da fonti tradizionali sarà compensato da impianti ad energie alternative opportunamente dimensionati, la riduzione nell'utilizzo di supporti cartacei e dei sistemi di stampa grazie all'introduzione di sistemi di e-governement, modalità di pagamento nfc e con sms, passbook.

C.Ro. vuole favorire una maggiore qualità della vita e una migliore fruibilità commerciale della città grazie alla riduzione delle emissioni nocive in ambiente, riduzione dell'inquinamento acustico, riduzione dei tempi di permanenza nel traffico.

Tra gli altri obiettivi del progetto ci sono anche la condivisione dell'informazioni tra P.A. e cittadino, minori costi sociali per riduzione incidenti, minori manutenzioni urbane, riduzione di incidenza delle malattie da inquinamento urbano.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CiRo
CiRo
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

Più popolari

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci