Missoni: sfilata riservata a pochi, in silenzio e rispetto

Di Giulia Bazzocchi | 14.01.2013 12:06 CET
Dimensione testo + -

C'è un'atmosfera di riservatezza e grande rispetto alla sfilata di Missoni. L'intera famiglia è assente, cosa che non è mai successa in questi anni. C'è solo Angela, la sorella di Vittorio, l'imprenditore scomparso a bordo di un aereo a Los Roques lo scorso 4 gennaio insieme alla compagna e a una coppia di amici. Ma la stilista è rimasta nel back stage a lavorare e ha espressamente richiesto di essere lasciata sola.

Seguici su Facebook

Nonostante il dramma e l'angoscia che stanno vivendo i parenti di Vittorio Missoni, l'azienda deve andare avanti e Angela Missoni ha dimostrato un forte senso di responsabilità e una grande forza di volontà, quasi come se fosse tutto "normale", anche se non lo è. La casa di moda Missoni è stata fondata nel 1953 e, come si legge nel comunicato stampa, questa doveva essere la sfilata del 60esimo anniversario.

La passerella è di sabbia, disegnata come le maglie colorate che hanno reso famoso lo stile Missoni, l'ispirazione delle creazioni racconta i paesaggi e i colori dell'Oceano Pacifico. I jeans dominano, sia in velluto, sia cotone. Le maglie in seta e in cashmere presentano delle fantasie diverse, dai motivi che rievocano la natura più aperta, fatta di deserti e rocce, ma anche di alaska e di ghiacciai. I toni del grigio ardesia virano al blu scuro e al verde acquamarina, mentre le sfumature del sabbia naturale si mescolano al color cammello. Tutta la collezione maschile è caratterizzata da lavorazioni innovative della tecnica della maglieria. Oltre a cappotti, maglioni e pantaloni, spicca una speciale scarpa-pantofola fatta realizzare dagli specialisti CB Made in Italy. Le camicie di fattura artigianale sono state fatte a mano dalla camiceria Finamore di Napoli e delle Converse nominate Jack Purcell, sono state prodotte con una speciale maglia Missoni.

Una collezione molto bella che è costata un grande sforzo alla famiglia Missoni e soprattutto ad Angela, che, comprensibilmente non è voluta uscire in passerella e anzi, poco prima del termine della sfilata se n'era già andata via. Come non capire il suo stato d'animo seriamente provato e senza dubbio sopraffatto dal dolore.

 

 

Un modello della sfilata di Missoni
Credits: GB
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV