• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di David Pascucci | 16.01.2013 16:03 CET

In Europa c'è crisi e ad emigrare non sono solamente i nostri giovani talenti. Anche i ricchi emigrano e scelgono il mercato real estate a stelle e strisce, un mercato che è stato sempre visto di buon occhio dal compratore italiano, un compratore che punta, come vedremo, alla qualità.

Seguici su Facebook

Nel 2012, le transazioni con controparte italiaba sono state circa 6000, un calo di 1000 unità (7000) dal volume registrato nel 2011 e di oltre 3000 unità dal 2009. Il mercato real estate Usa rappresenta ben il 15% del volume di transazioni totali sulle compravendite all'estero e in merito ricordiamo il 14% dell'anno 2000.

Le mete preferite sono le città dell'east coast come New York e Miami che rappresentano rispettivamente il 40% e il 30% degli acquisti per circa un totale del 70%, Il restante 30% si concentra in località turistiche della Florida e della Calfornia o città tranquille e moderne come Boston. Il compratore italiano punta alla qualità: a New York si compra in quartieri come TriBeCa e SoHo, quartieri molto ambiti, mentre a Miami si cerca ai bilocali di Miami Beach e agli edifici art deco.

Un consulente, ai microfoni del Sole24Ore confessa che gli acquisti sono ben valutati sulla base della possibilità di affitto, vendita e tenuta del prezzo nel tempo, sottolineando così la prudenza del compratore italiano. che dovrà affrontare spese fiscali e gestionali abbastanza impegnative. 

Fonte:Sole24Ore

Miami Beach
(Foto: Wikipedia// Miamiboyz / )
Miami Beach
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci