• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Alessandro Proietti | 18.01.2013 11:46 CET

"Un collasso catastrofico", questo è quanto sono state in grado di evitare le autorità del Vecchio Continente.

Seguici su Facebook

L'elogio o quanto meno il riconoscimento di alcuni meriti arriva direttamente dal segretario uscente del Tesoro americano Timothy Geithner in una lunga intervista al WSJ. 

Il merito maggiore è stato quello di aver, appunto, rimosso dai mercati quel "collasso catastrofico" che avrebbe avuto ripercussioni enormi non solo sul "suolo" economico europeo ma direttamente a livello globale. Le stesse autorità sono riuscite nell'intento di convincere la gente della loro volontà e capacità di evitare il peggio, chiarisce Geithner.

"L'Europa ha dovuto affrontare una strada [per la ripresa] completamente diversa e molto più difficile e prolungata" rispetto a quella seguita dagli Stati Uniti.

La crisi europea non ha avuto a che fare con "un sistema finanziario che è diventato troppo grande per le rispettive economie. I loro sistemi finanziari sono molto(...) più grandi dei nostri in termini relativi. Ma hanno in tutta Europa un enorme problema di competitività ".

L'Europa, quindi, dovrà seguire un sentiero diverso da quello degli States; un percorso che presenterà tipi di ostacoli differenti da quelli in cui incapperà l'economia a stelle e strisce.

"L'Europa si trova in una fase iniziale lungo la strada delle sfide a lungo termine".

Usa , Geithner
(Foto: Reuters / Alessandro Garofalo / )
U.S. Treasury Secretary Timothy Geithner looks on during news conference with Italian Prime Minister Mario Monti in Milan, December 8, 2011.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci