• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • -2

Di C.F. | 21.01.2013 19:57 CET

Sembra esserci una certa confusione in casa Rivoluzione Civile. Se da un lato Antonio Ingroia torna ad aprire a Beppe Grillo, dall'altra Antonio Di Pietro usa parole dure e di netta chiusura.

Seguici su Facebook

"Ho lanciato più di un appello per un'apertura di dialogo, ma non sono venute risposte soddisfacenti - dice il leader di Rivoluzione Civile -. Le sue risposte sono spesso battute. Dico e ribadisco a Beppe Grillo: così non si può cambiare l'Italia. Vuole davvero cambiare l'Italia? Allora discuta con le forze politiche che certi temi li vogliono affrontare per cambiare il Paese" ha dichiarato il magistrato a Gr Parlamento.

"Auspico che il Movimento, che ha in sé contenuti che noi in parte condividiamo, riesca a maturare e a diventare non soltanto un movimento di protesta, ma anche un movimento politico in senso vero e quindi di proposta. Grillo ministro? A queste condizioni, non mi scandalizzerebbe".

Quasi in contemporanea, ospite del Fatto Quotidiano, Antonio Di Pietro mostra una posizione molto diversa rispetto al leader di Rivoluzione Civile: "Il voto a Grillo dopo il 25 febbraio diventa un voto inutile".

 

Antonio Di Pietro
(Foto: Reuters / )
Chiude a Grillo
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • -2

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci