• Share
  • OkNotizie
  • +7
  • -1

Di Luca Marra | 23.01.2013 18:35 CET

Pazze di me, cioè di Francesco Mandelli, che da "i soliti idioti" natalizi stavolta è Andrea, abbandonato dal padre in tenera età, è l'unico maschio tra sette donne: Vittoria, madre caporale (Loretta Goggi), Matilde nonna un tempio genio (Lucia Poli)  e  le tre sorelle cioè la perfettina Beatrice (Chiara Francini), la svampita Federica (Marina Rocco) e la femminista (Claudia Zannella). Insomma delle sette donne che spettano all'uomo secondo il proverbio al povero Andrea gli sono capitate tutte insieme, ostacoli spessi alla costruzione di una sua vita sentimentale. Ogni donna che ha avuto non ha resistito all'armata femminile di Andrea. Con la bella e dolce Giulia (Valeria Bilello ex veejay come Mandelli) sarà la volta buona?

Seguici su Facebook

Arriva al cinema il nuovo lavoro di Fausto Brizzi dal romanzo omonimo di Francesca Bosco che firma la sceneggiatura col regista e con Marco Martani. Nel nocciolo duro di questa nuova commedia tricolore c'è ancora, con variazione sul tema, la formula maschi contro femmine o viceversa che tanta fortuna ha portato a Brizzi, dopo, ovviamente, il fiammeggiante esordio di Notte prima degli esami. Un esordio da ricordare con nostalgia, per ora, perché dalla creatività del regista romano non esce più quel dipinto di caratteri, gag e situazione gradevolissimo come nel suo esordio. Se nella prima mezz'ora si ride grazie anche a Loretta Goggi, Paola Minaccioni interprete di una badante "mangiatrice" di soap-opera, e a un sempre bravo Maurizio Micheli, portiere innamorato della mamma inossidabile, Pazze di me, degrada poi lentamente. Ruzzola nella prevedibilità, e nel vortice di quelle commedia senza infamia e senza lode italiana:  tutti hanno la casa a Roma centro con quadrature da magnati e tutto si risolve nella concatezione di gag senza entrare mai in profondità nei caratteri, nei personaggi, perni che hanno fatto grandi la nostra commedia, anni fa. Un collassare continuo verso il finale involuto, approssimato, semplificato, troppo in affanno nel cercare al volo una tendenza consolatoria. Se a questo si aggiunge la non brillante prova del protagonista, motore della vicenda, allora Pazze di me, purtroppo, non va a buon fine.

LEGGI ANCHE: 

Fausto Brizzi presenta il suo nuovo film "Pazze di me"

"Pazze di me": il "solito idiota" Francesco Mandelli, alle prese con sette donne.  

 

© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Rate this Story
  • +7
  • -1
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte

Partecipa alla discussione

IBTimes TV
Follow IBTimes Entertainment