• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di C.F. | 23.01.2013 22:35 CET

Antonio Ingroia è stato ospite de Lo Spoglio su Sky Tg 24.

Il centrosinistra: "Non è in campagna elettorale che si misura la coerenza dei partiti. Il Pd ha sostenuto Monti fino a qualche giorno fa, oggi dice di voler fare campagna elettorale contro. Non è stato molto coerente alla prova dei fatti. Avrebbe potuto andare subito al voto dopo la caduta di Berlusconi e applicare le riforme che dice di voler fare. Io cavallo di Troia del centrodestra? Non andiamo a togliere voti al centrosinistra, prendiamo nostri voti che vengono da chi senza di noi si asterrebbe. Il patto Monti-Pd? Non ho fonti privilegiate, ma il Pd alla nostra richiesta di dialogo ha detto di no. Invece si dice che Bersani si sia incontrato con il premier e nessuno ha smentito. Vendola? Ha tentato inutilmente di aprire nei nostri confronti, ma si trova in una situazione di difficoltà politica perchè il Pd guarda a destra. Mi hanno proposto la desistenza? Si, ci hanno promesso dei 'posti' in cambio".

Seguici su Facebook

Berlusconi: "Non è un reale pericolo, gli italiani sono vaccinati. La rinuncia a Dell'Utri e Cosentino è segno della fine del berlusconismo. Sono gli italiani che gli hanno imposto questa rinuncia. Il ricatto degli Impresentabili? Su Berlusconi Dell'Utri sa più di quel che dice... Quando lo interrogai nel 2001 Berlusconi era un altro. Voleva riscrivere le regole dello stato di diritto e il rapporto fra poteri dello Stato. Oggi è politicamente finito. Sta recuperando? Si fermerà, ma c'è una variabile: che il Pd si faccia male da solo. Magistrati politicizzati? Solito disco rotto, sono gli italiani ad essere cambiati.  La mia discesa in politica assist alle tesi di Berlusconi? Non possiamo ragionare in base alle tesi imposte dal berlusconismo. Un conto è la mia attività da magistrato, ed esigo che venga valutata come tale. Un altro è l'attività politica che ho appena iniziato. Ritornare a fare il magistrato? Non certo il pm a Palermo o a Milano. Non farei più indagini sulla politica".

Sul caso Mps: "La responsabilità è anche del governo Monti e di chi ha sostenuto l'esecutivo. Ha 'prestato' 4 miliardi di euro presi dalle tasche degli italiani. Come 'salvarla'? Tra i cittadini e la banca scelgo i primi".

Grillo: "E' un attore, fa battute e riceve titoli sui giornali. Il mio non è livore per la chiusura alla mia proposta. E' che lui si limita solo alla protesta".

Rivoluzione Civile e il programma: "Ottenere il 5% dei consensi sarebbe già un successo. Se superiamo il 7-8% allorà sarà rivoluzione civile in Parlamento. Il Senato? Siamo sopra l'otto per cento in più Regioni. La nostra piattaforma programmatica è chiara. La prossima settimana presenteremo una nostra proposta di riforma delle pensioni. La patrimoniale? Per redditi sopra il milione e mezzo. Siamo d'accordo se è proporzionale. Il 10% degli italiani ha in mano il 45% della ricchezza del Paese. Non dobbiamo accanirci, ma la crisi finanziaria al momento si scarica sui ceti medio-bassi. E aboliamo l'Imu sull'unica casa. Redditometro? Non è sufficiente, ma c'è un'eccessiva criminalizzazione. Venerdì presenteremo a Palermo una proposta per scovare i patrimoni mafiosi. L'Imu alla Chiesa? Monti non ha fatto abbastanza".

Ingroia, Pd e desistenza
(Foto: www.generazionezero.org / )
Offerti posti in cambio
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci