• Share
  • OkNotizie
  • +4
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 24.01.2013 10:54 CET

Seguici su Facebook

Una casa senza inizio né fine, interamente costruita tramite la stampa 3D. È il progetto ambizioso e rivoluzionario che sta portando avanti l'architetto olandese di Universe Archietcture Jamjaap Ruijssenaars in collaborazione con il matematico e artista Rinus Roelofs e con Enrico Dini, l'inventore italiano della stampante 3D D-Shape.

Ruijssenars, già famoso perchè nel 2006 il suo progetto di un letto galleggiante è stato eletto come migliore invenzione dell'anno da Time Magazine, intende costruire un edificio di 1000 metri quadri su due piani attraverso il D-Shape che stamperà ogni pezzo delle dimensioni di 6per9 metri e la struttura finale sarà poi rinforzata con il cemento. Il design dell'edificio si basa su una singola linea che ruota su se stessa per creare un flusso continuo e dare vita ad una abitazione dinamica. Il suo inventore ha rivelato di essersi ispirato ad una casa irlandese posizionata sulla costa in modo che il progetto possa rispecchiare la bellezza della natura.

"La stampa 3D è incredibile - ha dichiarato l'architetto olandese alla BBC- Per me come architetto è stato un bel modo di costruire questo progetto specifico, non ha inizio nè fine e con la stampante 3D possiamo farlo sembrare così".

Il progetto della cosiddetta "Landscape House" rientra nell'ambito del concorso europeo "Europan". La realizzazione del primo edificio interamente costruito utilizzando materiali realizzati con la stampa 3D dovrebbe essere completata nel 2014. Ruijssenars, però, auspica che questa nuova tecnologia, definita un modo più diretto di costruire in grado di eliminare le perdite di tempo e di energia dei modi di costruzione tradizionali, possa svilupparsi sempre più e dai microfoni della BBC rivela il desiderio di costruire una casa attraverso la stampa 3D per ogni paese.

Le possibilità offerte dalle stampanti 3D sono innumerevoli e le loro possibili applicazioni future sono ancora tutte da scoprire. Esistono altri progetti che sono stati creati con l'obiettivo di costruire case da stampanti 3D, ad esempio il progetto Wasp: presentato alla fiera "Makers" di Milano, il progetto si pone l'ambizioso obiettivo di creare grandi stampanti a deposizione che in futuro possano costruire abitazioni a basso impatto ambientali.

Nell'ambito del mondo 3D ci sono anche altre ricerche avveniristiche. Organovo, ad esempio, sta sperimentando delle biostampanti 3D per modellare cellule staminali in nuovi tessuti e recentemente ha iniziato una collaborazione con l'azienda produttrice di software Autodesk. La partnership intende creare, in un futuro si spera non troppo lontano, speciali stampanti 3D, lontanamente simili a quelle già in commercio, in grado di ricreare in laboratorio organi umani che potranno poi essere utilizzati nei trapianti o per curare determinate patologie.

Stampante
(Foto: Flickr / )
Stampante
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +4
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci