• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Dario Saltari | 24.01.2013 14:31 CET

"Mentre i blitz mediatici pre-elettorali di Silvio Berlusconi si intensificano, allo stesso modo le paure di una costosa deviazione dal ritorno dell'Italia alla crescita aumentano". Lo si legge su un articolo dell'agenzia di stampa britannica Reuters pubblicato oggi nel quale si evidenziano le paure degli investitori rispetto ad un possibile ritorno del Cavaliere sulla scena politica italiana.

Seguici su Facebook

"Sto investendo nell'eurozona ma non Italia" dichiara Torgeir Hoien, capo dell'azienda di investimenti norvegese Skagen "perché anche se ha un surplus primario, c'è ancora un'enorme incertezza politica".

"Sospetto che Berlusconi sia molto più popolare in Italia di quanto possiamo pensare" continua Hoien "l'italiano medio è abbastanza contento con lui (al potere)".

Allo stesso modo Mike Riddell, manager del fondo per i bond internazionali della M&G, pensa che le prossime elezioni politiche italiane possano aprire una nuova fase di turbolenza all'interno dell'eurozona.

Secondo la Reuters, gli investitori hanno paura che l'elettorato italiano, stanco dell'austerity, si faccia attrarre dalle promesse fiscali del Cavaliere, in primis il taglio dell'Imu, ma che quest'ultimo non abbia i numeri per vincere le elezioni.

La situazione di incertezza politica che si verrebbe a creare, con la probabile vittoria del centrosinistra alla Camera e il sostanziale pareggio al Senato, potrebbe determinare un blocco politico che metterebbe a repentaglio non solo l'Italia ma l'intera "eurozona meridionale" con all'interno Grecia, Spagna e Portogallo.

Luca Paolini, chief strategist del fondo di investimento da 135 miliardi di dollari Pictet Asset Management, ad esempio, consiglia ai propri clienti di vendere i propri bond italiani in attesa del risultato delle prossime elezioni.

Insomma, il ritorno di Berlusconi potrebbe allontanare di nuovo gli investitori internazionali dal Bel paese il che sarebbe un bel problema dato che l'Italia dovrà trovare circa 420 miliardi di euro nel 2013 per rifanziare il proprio debito.

Berlusconi si ricandida
(Foto: reuters / )
Dopo un passo indietro ne fa due in avanti
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci