• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Giovanni Tortoriello | 24.01.2013 22:37 CET

 

Credit: Gael Langevin
Credit: Gael Langevin

 

Più notizie

Seguici su Facebook

 

 

Dalle costruzione di case alla rigenerazione di organi umani, i possibili utilizzi di una stampante 3D sono davvero sorprendenti. Si tratta di una tecnologia che permette di ottenere un prodotto finale tramite un processo additivo, infatti gli oggetti tridimensionali si ottengono dalla sovrapposizione di strati di materiali successivi. Una tecnica che nei prossimi anni potrebbe trasformare il modo in cui si producono gli oggetti.

Tra i tanti progetti che caratterizzano questo mondo in continua evoluzione vi è InMoov, un robot umanoide le cui parti sono state interamente realizzate attraverso una stampante 3D. Il progetto, ideato da Gael Langevin di Factices Ateliers, è ancora in divenire: è stata costruita prima una mano, poi un braccio, ora il robot è composto dalla testa e dalle due braccia.

InMoov è stato disegnato con Blender e per funzionare necessita di Arduino. L'utilizzo di una stampante 3D per ottenere i vari pezzi del robot ha permesso di abbattere totalmente i costi di produzione: se infatti la costruzione di un robot normalmente costa centinaia di migliaia di dollari, finora la realizzazione di InMove è costata appena 900 dollari, escludendo la testa e la spesa per la stampante.

Per chiunque volesse cimentarsi nella costruzione di un robot e collaborare con Langevin, sul sito Thingiverse sono scaricabili i file per la costruzione della mano di InMoov.

Fonte: CNET

 

InMoov
(Foto: InMoov/ Gael Langevin / )
Il primo robot costruito con una stampante 3D
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

Più popolari

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci