• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Fabio Ferri | 25.01.2013 13:18 CET

L'annus horribilis per l'economia italiana continuerà per tutto il 2013, con una contrazione del Pil e la domanda che rallenta: con la conseguenza di un forte aumento anche della disoccupazione. L'ultima conferma arriva dal rapporto dell'istituto di ricerca Ref. «La caduta [del Pil nel 2013] secondo le nostre stime sarà dell'1,3%. La riduzione dell'inflazione [vista all'1,8% quest'anno] non basta a rilanciare i consumi», si legge in una nota di Ref. Nonostante questo però l'istituto sottolinea la buona situazione dei conti pubblici, che sono stati consolidati.

Seguici su Facebook

Come dicevamo una conferma per quanto riguarda le stime sul Pil, in quanto la scorsa settimana anche la Banca d'Italia aveva rivisto la sua stima del 2013 a -1,% da -0,2%, prevedendo una ripresa solo nel 2014 con un Pil in crescita dello 0,7%. Previsione non dissimile da quella fatta dal Fondo Monetario Internazionale, che si discosta solo per le stime del 2014, in cui prevede una crescita limitata a un +0,5%.

L'analisi di Ref prosegue sul rapporto tra domanda interna, che diminuendo «porta anche le importazioni a contrarsi, determinando un avanzo commerciale che in valori correnti si riporta in prossimità dei massimi della metà degli anni novanta». Che porterebbe anche a far cadere la domanda di lavoro, la disoccupazione aumenta sino a quasi il 12% in media d'anno, prevede l'istituto. La speranza è riposta solo nel versante della domanda estera «che potrebbero venire allora le premesse per una ripresa della congiuntura», conclude il rapporto.

 

 

Coldiretti
(Foto: Reuters / Dario Pignatelli)
Un 2013 difficile per le famiglie italiane
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci