• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Dario Caputo | 25.01.2013 19:06 CET

Si accende la campagna elettorale, si accendono i toni. Anche Mario Monti sveste i panni del tecnico e indossa quelli del politico di lungo corso. Ne ha per i suoi avversari il Professore, rei di aver rovinato l'Italia. Lo scenario di queste accuse è rappresentato dagli studi di Radio Uno intervenendo al programma Radio Anch'io. Nel suo intervento ha lanciato accuse sia al Partito Democratico sia al Popolo della Libertà. In particolare al partito di Bersani ha lanciato l'accusa, grave, di essere coinvolto nello scandalo della Banca Monte dei Paschi di Siena.

Reuters
Il premier Mario Monti a tavola con il leader del Pd, Pierluigi Bersani, e il segretario della Cgil, Susanna Camusso, prima di un meeting

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

"Non voglio attaccare Bersani, ma il Pd c'entra nella questione Mps. Critico piuttosto la commistione fra banche e politica" sostiene il Professore. Secondo Monti "il Partito democratico è coinvolto in questa vicenda perchè ha sempre avuto grande influenza sulla banca attraverso la sua fondazione e il rapporto storico con il territorio culturale e finanziario senese".

Non tarda ad arrivare la risposta del segretario Pd a queste affermazioni. È un leader seccato da queste parole e nelle sue parole, intervenendo dal palco dell'assemblea Cgil a Roma. "Monti per un anno è stato zitto, solo ora ci trova un difetto al giorno". Ma l'affondo Bersani lo lancia sui temi che vengono trattati in questa campagna elettorale nascondendone di più importanti che toccano da vicino la vita delle persone.

"Sono sorpreso che in questa campagna elettorale ci sia raramente un resoconto della difficoltà del momento. Nel dibattito sento che tutto si può, tutto è possibile, che i problemi si sono risolti. C'è chi più di altri dovrebbe saperlo perché ha governato: nei prossimi mesi o settimane saremo a posto con gli ammortizzatori sociali, gli esodati, i disabili, o gli sportelli sociali? No, non siamo a posto. E si deve partire da lì". 

Monti, Bersani e parti sociali
(Foto: Reuters / Stinger)
Il premier Mario Monti a tavola con il leader del Pd, Pierluigi Bersani, e il segretario della Cgil, Susanna Camusso, prima di un meeting
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci