• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Redazione IBTimes Italia | 26.01.2013 10:09 CET

Una maxitangente, frutto dell'acquisto (rivelatosi poi fallimentare) di Antonveneta nel 2007. Secondo La Repubblica è l'ultimo filone dell'inchiesta che sta travolgendo il Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica del mondo.

Reuters
La sede del Monte dei Paschi a Siena, in una foto del giugno scorso

Share This Story

Da non perdere

Argomenti correlati

Seguici su Facebook

Una mazzetta enorme. I due miliardi sarebbero il sovraprezzo per l'acquisto di Antonveneta (per complessivi 9 miliardi) piazzati in una banca londinese e fatti rientrare con lo scudo fiscale del 2009 emanato dal governo Berlusconi. Soldi che sarebbero serviti per pagare mazzette a manager e politici.

Su questa vicenda indaga la Procura di Siena (avanzata la richiesta di rogatoria al governo inglese) in collaborazione con il Nucleo di polizia valutaria di Roma. Si indaga anche sui derivati e sui maxi premi ai manager.

"Quella di Mps è una turbofinanza che deve rifare il trucco ai bilanci e spostare in avanti le perdite, se necessario, trasformandole miracolosamente in utili (è il caso delle operazioni Santorini e Alexandria). E che nessuno si accorga di quanto accade in quel momento a Rocca Salimbeni è difficile crederlo" scrivono i giornalisti de La Repubblica.

Monte dei Paschi
(Foto: Reuters / Stefano Rellandini)
La sede del Monte dei Paschi a Siena, in una foto del giugno scorso
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci