AUSTRALIAN OPEN: grandissimo DJOKOVIC, e sono 4! Battuto MURRAY in finale

Di Stefano Veneziano Broccia | 27.01.2013 16:24 CET
Dimensione testo + -

Nell'ultimo atto del torneo di Melbourne la spunta Novak Djokovic in quattro set (6-7 7-6 6-3 6-2) su Andy Murray, in quella che è stata la riedizione della finale Australiana del 2011. Il serbo con questo successo in rimonta conquista il quarto Australian Open in carriera, consolidando la sua posizione come numero 1 del ranking mondiale.

Seguici su Facebook

LA PARTITA Andy Murray parte bene riuscendo ad aggiudicarsi il primo set al tie-break, dove si porta subito avanti 4 a 0, resiste al recupero di Djokovic e chiude 7-2. Nel secondo parziale i due tennisti si giocano ancora una volta il set al 13esimo game. A spuntarla in questo caso è il serbo che si impone nettamente 7-3 e riporta al situazione in parità. Per lo scozzese resta il rimpianto di aver sprecato una grande occasione quando era avanti un game a zero e 0-40 sul servizio di Djokovic, ma alla fine non è riuscito a convertire nessuna delle palle break che si era procurato. A pesare per Murray anche un sanguinoso doppio fallo nel tie-break, quando i due tennisti erano sul 2 a 2. Nei successivi due set lo scozzese sembra aver perso qualcosa e Djokovic ne approfitta, aggiudicandosi il terzo set 6-3 e chiudendo l'incontro 6-2 al quarto dopo 3 ore e 40 minuti di gioco.

TRE DI FILA Con questo successo Djokovic diventa l'unico tennista dell'era Open ad aver vinto tre volte di seguito a Melbourne, e con quattro successi complessivi (2008, 2011, 2012 e 2013) raggiunge due campioni come Roger Federer e Andre Agassi. Tra il tennista serbo e questo record il vero grande pericolo nel torneo australiano alla fine è stato lo svizzero Wawrinka, che negli ottavi di finale ha costretto Djokovic ad una maratona di 5 ore prima di cedere 12-10 al quinto.

RIVINCITA Non sarà stato sicuramente il suo primo pensiero al termine dell'incontro, ma questo successo permette al tennista serbo anche di rifarsi della sconfitta subita contro Murray agli US Open dello scorso anno. Lo scozzese in quel caso riuscì ad imporsi 6-2 al quinto, lasciando Djokovic con l'amaro un bocca e conquistando il primo Slam della carriera. Stavolta il copione finale è stato differente.

PROVACI ANCORA ANDY Per Murray era la terza finale agli Australian Open, dopo quelle nel 2010 e nel 2011. La prima volta perse da Federer, la seconda invece proprio da Djokovic. Il tennista britannico in questo caso ha forse pagato i cinque set giocati contro Federer in semifinale ed un giorno di riposo in meno rispetto al serbo, con quest'ultimo che ha comunque meritato di vincere. Una finale questa di Melbourne che, seppur persa, da continuità agli ottimi risultati ottenuti da Murray nella seconda parte della scorsa stagione, culminata con l'oro all'Olimpiade di Londra ed il successo agli US Open. Sicuramente per lo scozzese una sconfitta da cui ripartire e da cui prendere spunti per migliorare ancora, soprattutto con la seconda di servizio, che è sembrata mancare nel momento più importante.

Novak Djokovic esulta per la vittoria
( Foto : Reuters / )
Novak Djokovic esulta per la vittoria
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci