MUORE IN CAMPO, tragedia in provincia di Lecce

Di Alfonso Formato | 28.01.2013 15:56 CET
Dimensione testo + -

Nove mesi dopo la scomparsa del calciatore del Livorno Piermario Morosini nella trasferta a Pescara dello scorso campionato di Serie B, un altro calciatore ha perso la vita facendo quello che più amava fare: tirare calci ad un pallone. Questa volta per là morte non è arrivata su un campo del calcio che conta, ma su uno di quelli in cui non c'è copertura televisiva, non c'è forse nemmeno l'erbetta, ma dove tantissimi appassionati ogni domenica riversano i loro sogni e le loro ambizioni.

Seguici su Facebook

Il tutto è accaduto nel campionato di Seconda Categoria pugliese nella cara tra i locali del Soleto ed Il Corigliano. Improvvisamente un giocatore dei padroni di casa, il 34enne Alessio Miceli, cade a terra a palla lontana, per poi rialzarsi. Il ragazzo però resta per poco in piedi, perché dopo qualche altro secondo ritorno al suolo. I giocatori in campo si rendono subito conto della situazione e cercano di rianimarlo, con il fratello nonché compagno di squadra Gabriele in prima linea. Poco dopo l'arrivo del 118, i cui tentativi di rianimarlo sono però vani, nonostante l'uso del defibrillatore. A provorare la morte sarebbe stato un aneurisma celebrale.

Un tragedia tanto improvvisa quanto ineluttabile. I familiari, il padre Antonio, la madre Vera e il fratello Gabriele, non muovono, e anzi se la prendono col destino. "Ero sugli spalti - racconta il padre del giocatore - e quando l'ho visto cadere la seconda volta mi sono precipitato. Ho fatto io le prime manovre di rianimazione. I soccorsi sono stati immediati e tempestivi, l'ambulanza è arrivata in pochi minuti e hanno fanno di tutto così come i sanitari dell'ospedale di Galatina dove Alessio era stato trasportato ma purtroppo non c'è stato nulla da fare".

E a parlare di caso, di fatalità, è anche il fratello Gabriele che ieri per la prima volta aveva coronato il sogno di giocare insieme al fratello maggiore. "All'inizio pensavo che si trattasse di un fallo di gioco. Ero lontano da lui, pensavo ad una gomitata, ad un contrasto con l'avversario, poi quando mi sono avvicinato ho capito la gravità. I soccorsi hanno fatto l'impossibile. Ora penso che lui stia giocando in cielo a pallone, e che sia felice perché se ne è andato con la divisa da calcio così come avrebbe voluto".

LEGGI ANCHE:

CAOS ROMA: ZEMAN vicino all'ESONERO, è pronto MALESANI

COPPA ITALIA. Le probabili formazioni di LAZIO - JUVE: Pirlo, Marchisio e Klose out

COPPA ITALIA. LAZIO - JUVENTUS: dove vederla, presentazione e probabili formazioni

CALCIOMERCATO JUVENTUS, è il giorno decisivo per LISANDRO LOPEZ. Addio QUAGLIARELLA?

La LAZIO cade. Il CHIEVO espugna l'OLIMPICO con PALOSCHI

 

 

 

 

 

 

Ambulanza tra la folla
( Foto : Reuters / )
Ambulanza tra la folla
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
Join the Conversation
IBTimes TV
SEGUI SPORTS & STARS
 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci