• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Ilaria De Pasquale | 28.01.2013 17:45 CET

Ancora allarme disoccupazione per l'Eurozona. Sono circa due milioni e mezzo i posti di lavoro persi tra il 2000 e il 2011 nel settore manifatturiero.

reuters
L'analisi dei posti di lavoro persi dal 2000 al 2011 rivela tassi maggiori in Germania piuttosto che in Italia

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

Lo rivela il commissario Ue agli affari economici Olli Rehn nel corso della conferenza a Madrid sul 40esimo anniversario dei sindacati europei (Etuc).

Più notizie

I dati riguardano i quattro paesi maggiori dell'Eurozona. Nello specifico, i posti di lavoro persi in Germania ammontano a 570.000, quelli in Francia e Spagna a 750.000 e, infine, in Italia a 370.000.

Sorprendentemente i numeri rivelano minori licenziamenti in Italia che in Germania.

I dati preoccupanti fotografano un mercato del lavoro provato dalla crisi economica. Simili cifre si aggiungono agli oneri delle casse dello Stato, già provate da un alto indebitamento e da una piramide dell'età sempre meno in equilibrio tra vecchie e nuove generazioni.

La piaga della disoccupazione riduce il reddito pro capite e appesantisce ulteriormente le casse dello Stato.

Pe porre fine ad una situazione insostenibile, la priorità per Olli Rehn è un' "inversione di rotta" che faciliti i contratti di lavoro permanenti e assicuri il ritorno all'attività di coloro che perdono il posto.

 

 

Eurozona, allarme disoccupati. Licenziati più operai in Germania che in Italia
(Foto: reuters / )
L'analisi dei posti di lavoro persi dal 2000 al 2011 rivela tassi maggiori in Germania piuttosto che in Italia
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

Più popolari

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci