• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Ilaria De Pasquale | 28.01.2013 18:45 CET

Ancora allarme disoccupazione per l'Eurozona. Sono circa due milioni e mezzo i posti di lavoro persi tra il 2000 e il 2011 nel settore manifatturiero.

Seguici su Facebook

Lo rivela il commissario Ue agli affari economici Olli Rehn nel corso della conferenza a Madrid sul 40esimo anniversario dei sindacati europei (Etuc).

I dati riguardano i quattro paesi maggiori dell'Eurozona. Nello specifico, i posti di lavoro persi in Germania ammontano a 570.000, quelli in Francia e Spagna a 750.000 e, infine, in Italia a 370.000.

Sorprendentemente i numeri rivelano minori licenziamenti in Italia che in Germania.

I dati preoccupanti fotografano un mercato del lavoro provato dalla crisi economica. Simili cifre si aggiungono agli oneri delle casse dello Stato, già provate da un alto indebitamento e da una piramide dell'età sempre meno in equilibrio tra vecchie e nuove generazioni.

La piaga della disoccupazione riduce il reddito pro capite e appesantisce ulteriormente le casse dello Stato.

Pe porre fine ad una situazione insostenibile, la priorità per Olli Rehn è un' "inversione di rotta" che faciliti i contratti di lavoro permanenti e assicuri il ritorno all'attività di coloro che perdono il posto.

 

 

Eurozona, allarme disoccupati. Licenziati più operai in Germania che in Italia
(Foto: reuters / )
L'analisi dei posti di lavoro persi dal 2000 al 2011 rivela tassi maggiori in Germania piuttosto che in Italia
This article is copyrighted by International Business Times.
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci