• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Sara Rotondi | 30.01.2013 13:25 CET

Fermato il presunto aggressore di Alberto Musy, il consigliere dell'Udc torinese colpito con 6 colpi di pistola lo scorso 21 marzo 2012. Si tratta di un professionista di origini calabresi da anni residente a Torino: Francesco Furchì, bloccato dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio.

Seguici su Facebook

L'uomo, che lavora in uno studio poco distante dalla casa di Musy, è stato interrogato a lungo nel corso della notte. L'inchiesta, condotta dalla Squadra Mobile, è stata coordinata dal pm Roberto Furlan e le indagini sono scattate dall'esame delle celle telefoniche, incrociando nomi e numeri telefonici di tutti i cellulari presenti quella mattina nelle vicinanze del luogo dell'attentato. Il presunto aggressore avrebbe coltivato nei confronti del consigliere un forte astio per una questione legata a lavoro e affari.

I fatti risalgono al21 marzo dell'anno scorso, quando uno sconosciuto (ripreso dalle telecamere) col viso coperto e soprabito scuro, si presenta nell'abitazione di Musy che abita con la moglie Angelica Corporandi d'Auvare e le quattro figlie. Lo sconosciuto si nasconde nel cortile e quando il consigliere rincasa dopo aver accompagnato le bambine a scuola, s'avvicina, scambia con lui poche battute, poi spara colpendolo alla nuca dopo un breve inseguimento. A seguito dell'aggressione, il consigliere entra in coma e queste le sue ultime parole a un vicino di casa: "E' stato un uomo di 40 anni...". Musy è ricoverato in una casa di cura riabilitativa, e non ha più ripreso conoscenza.

 

Una volante della polizia in una immagine di archivio
(Foto: Reuters / )
Una volante della polizia in una immagine di archivio
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci