• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Sara Rotondi | 30.01.2013 13:25 CET

Fermato il presunto aggressore di Alberto Musy, il consigliere dell'Udc torinese colpito con 6 colpi di pistola lo scorso 21 marzo 2012. Si tratta di un professionista di origini calabresi da anni residente a Torino: Francesco Furchì, bloccato dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio.

Reuters
Una volante della polizia in una immagine di archivio

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

L'uomo, che lavora in uno studio poco distante dalla casa di Musy, è stato interrogato a lungo nel corso della notte. L'inchiesta, condotta dalla Squadra Mobile, è stata coordinata dal pm Roberto Furlan e le indagini sono scattate dall'esame delle celle telefoniche, incrociando nomi e numeri telefonici di tutti i cellulari presenti quella mattina nelle vicinanze del luogo dell'attentato. Il presunto aggressore avrebbe coltivato nei confronti del consigliere un forte astio per una questione legata a lavoro e affari.

I fatti risalgono al21 marzo dell'anno scorso, quando uno sconosciuto (ripreso dalle telecamere) col viso coperto e soprabito scuro, si presenta nell'abitazione di Musy che abita con la moglie Angelica Corporandi d'Auvare e le quattro figlie. Lo sconosciuto si nasconde nel cortile e quando il consigliere rincasa dopo aver accompagnato le bambine a scuola, s'avvicina, scambia con lui poche battute, poi spara colpendolo alla nuca dopo un breve inseguimento. A seguito dell'aggressione, il consigliere entra in coma e queste le sue ultime parole a un vicino di casa: "E' stato un uomo di 40 anni...". Musy è ricoverato in una casa di cura riabilitativa, e non ha più ripreso conoscenza.

 

Una volante della polizia in una immagine di archivio
(Foto: Reuters / )
Una volante della polizia in una immagine di archivio
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci