• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di C.F. | 31.01.2013 21:25 CET

Oscar Giannino, leader di Fare per Fermare il Declino, è stato ospite della videochat del Corriere della Sera.

Seguici su Facebook

L'economista ne ha per tutti i 'competitor' della campagna elettorale, a partire da Silvio Berlusconi, che dice "una serie di sciocchezze, come l'ultima su Mussolini nel giorno della Memoria". Impietoso anche il giudizio sull'Agenda Monti considerata "vuota, senza numeri, azioni programmatiche e piegata sull'Udc".

Senza appello anche le parole su Grillo: "Con le sue ipotesi dall'Europa verrebbero a prenderci in ambulanza. Propone un'unica banca pubblica e i lavoratori proprietari delle imprese. La nazionalizzazione delle banche è una follia. Invece dovremmo privatizzare asset pubblici per abbattere il debito, ma non c'è nessun partito che vuole farlo".

E stronca anche Pannella, con cui è saltata la possibilità di allearsi: "Ha deciso tutto lui, non ci ha voluto. Lì la democrazia non esiste, bisognerebbe dire che i partiti sono organi assolutistici e smentiscono il dettato costituzionale".

La sua posizione su Mps: "Il problema è di natura politica e con lo strapotere delle fondazioni nelle banche queste vicende possono ripetersi. Bisogna privatizzarle tutte. Ora non c'è nessun istituto di credito veramente libero da condizionamenti politici".

Oscar Giannino
(Foto: Creative Commons / )
Giannino incatenato contro la pressione fiscale
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci