• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Redazione | 01.02.2013 10:33 CET

Si potrebbe chiamare la vendetta del referendum: il Consiglio di Stato ha espresso un parere per cui saranno rimborsate le bollette dell'acqua dal  21 luglio al 31 dicembre 2011. Cioè quei pagamenti effettuati dopo il referendum che, a  giugno 2011, abrogò la remunerazione del 7% del capitale investito. Quel 7% poi venne eliminato attraverso l'applicazione del nuovo regolamento, valido dal primo gennaio 2012. Su questo limbo di vuoto normativo, sei mesi tra l'abrogazione e l'entrata in vigore delle nuove leggi, si è pronunciato il Consiglio di Stato, dicendo che le bollette pagate «non sono coerenti» col quadro normativo uscito dalla consultazione, in particolare a essere «in contrasto» con il referendum è il criterio dell'«adeguatezza della remunerazione dell'investimento».

Seguici su Facebook

Spetterà ora all'autorità per l'Energia come restituire ai cittadini quel 7% pagato in più. Detto fatto. Entro la giornata di oggi dovrebbe essere pubblicata la decisione presa ieri, con un titolo burocraticamente lungo: "Avvio di procedimento per la restituzione agli utenti finali della componente tariffaria del servizio idrico, relativa alla remunerazione del capitale per il servizio idrico integrato, abrogata in esito al referendum popolare del 12 e 13 giugno 2011, con riferimento al periodo 21 luglio 2011-31 dicembre 2011, non coperto dal metodo tariffario transitorio"; ma chiaro.

Saranno i gestori a rimborsare ai cittadini quello che hanno percepito ingiustamente, senza che venga compensato nelle future bollette. Questo è l'aspetto immediato, ma il Consiglio di Stato con questa sentenza stabilisce che, dal 2012, l'Autorità per l'Energia dovrà valutare se le tariffe applicate dal 2012 siano congrue al nuovo regolamento. Il fatto è che si tratta di circa 3 mila gestori. Nel caso in cui non coincidano le indicazioni con la bolletta, le aziende idriche dovranno restituire la differenza, come conguaglio sulla bolletta.

Non tutti però sono soddisfatti, infatti  il Forum italiano dei movimenti per l'acqua (promotore del referendum del 2011) spiega che «la remunerazione del capitale investito viene reintrodotta sotto mentite spoglie», criticando il nuovo regolamento del 2012. Per il Forum dovrebbero venire rimborsate anche le bollette del 2012 fino all'emanazione del nuovo regolamento. 

Previsto il rincaro delle bollette di luce e gas per il 2012.
(Foto: Reuters / Yiorgos Karahalis)
Previsto il rincaro delle bollette di luce e gas per il 2012.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci