• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Dario Saltari | 01.02.2013 12:42 CET

Lo stato olandese ha nazionalizzato SNS Reaal, la quarta banca più grande d'Olanda, a causa di gravi problemi finanziari dovuti alle forti perdite subite nel settore immobiliare. Lo ha annunciato oggi il ministro delle finanze di Amsterdam, Jeroen Dijsselbloem.

Seguici su Facebook

"Non siamo riusciti a trovare una soluzione (alternativa)" ha dichiarato Dijsselbloem in una conferenza stampa "e c'era un pericolo immediato per la stabilità finanziaria. Ho concluso che la nazionalizzazione fosse inevitabile".

A causa dei problemi finanziari, il presidente di SNS, Rob Zwartendiik, e il suo amministratore delegato, Ronald Latenstein, si sono dimessi.

L'istituto, infatti, che già nel 2008 aveva ricevuto aiuti di Stato per 750 milioni di euro, aveva visto ridursi il core tier 1 all'8,8% ovvero sotto la soglia legale minima del 9% stabilita dall'Eba (European Banking Authority).

A Gennaio, inoltre, la Commissione Europea aveva bloccato un piano condotto da altre tre banche olandesi, Abn Amro, ING e Rabobank, per salvare SNS con degli investimenti privati. La Commissione aveva giustificato l'intervento affermando che ABN e ING, a loro volta, avevano già ricevuto aiuti di Stato.

Nel frattempo, però, gli azionisti perderanno praticamente tutti i loro investimenti mentre i correntisti con depositi sopra i 100mila euro dovrebbero riuscire a salvare i propri soldi.

Fonti: Sole 24Ore, BBC

SNS Reeal
(Foto: Reuters / )
Una filiale di Utrecht della SNS Reeal.
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci