• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Claudio Forleo | 05.02.2013 11:52 CET

Meno venti al voto, meno quattro al black-out dei sondaggi, la cui diffusione è vietata 15 giorni prima dell'apertura dei seggi. Nell'ultima settimana le rilevazioni si sono intensificate e il cittadino/elettore viene bombardato da messaggi spesso contrastanti.

Seguici su Facebook

Più notizie

Berlusconi è in rimonta? Assolutamente, ma ogni istituto la descrive a modo suo (secondo il campione di riferimento). Chi dice sia a tre punti da Bersani, chi raddoppia la distanza. Ma è evidente che il Pdl stia convicendo una fetta del proprio elettorato, prima indeciso se astenersi o votare Monti, a confermare la fiducia nel Cavaliere. Non è avventato sostenere che nell'ultimo mese il Pdl è riuscito a riprendersi almeno un buon 3-4 per cento dei consensi, arrivando a sfiorare/superare quota 20% . La Lega Nord ottiene il 4-6%, mentre gli altri 'partitini' nati per rastrellare voti non dovrebbero superare il 3%. Alla somma,  per il centrodestra si parla di una quota di poco inferiore al 30%.

Che l'aggressiva campagna elettorale di Berlusconi, fatta di promesse, slogan e occupazione dei media, portasse dei risultati era abbastanza prevedibile. Ma che il distacco dal centrosinistra (un mese fa si misurava su due cifre) calasse così drasticamente era molto difficile da ipotizzare.

Complice della rimonta è l'opinabile strategia mediatica del centrosinistra. Bersani ha prima ostentato sicurezza, poi ha chiesto desistenza alla sua sinistra (Ingroia) e strizzato l'occhio a destra (Monti). Già prima dello scandalo Mps il trend negativo consigliava al Pd di smetterla con 'l'inciucio' verbale pro-Monti. Da una settimana il segretario Pd è tornato a parlare di Berlusconi come di un 'pericolo' concreto. L'effetto-Mps è indiscutibile. Il Pd ha cercato di tirarsene fuori in maniera maldestra, peggiorando la situazione e consentendo alla sua destra di far passare in secondo piano che il sostegno alla banca senese è arrivato da tutto l'arco politico. Il Pd oscilla tra il 28 e il 30%. Se aggiungiamo un 3-4% di preferenze a Sel (in continua discesa) e l'1% della categoria 'Altri', arriviamo ad un credibile 33-35%.

Il 'centro' di Monti vivacchia, stabile tra punte minime del 12 e massime del 14%. Difficile possa andare oltre, ben lontano dal 20 per cento sognato dal premier e rilanciato qualche giorno fa da Fini. Percentuale comunque sufficiente per andare al governo con il centrosinistra, grazie alla situazione di Palazzo Madama dove Bersani-Vendola al momento non hanno la maggioranza.

Il Movimento Cinque Stelle, come abbiamo già scritto in passato, è il più difficile da decifrare. Spopola tra i giovani (categoria in passato 'astensionista' per eccellenza), pesca tra delusi di destra e sinistra. Secondo gli attivisti che commentano i sondaggi sul web le percentuali che vengono diffuse (attorno al 15%) sono sottostimate. Swg è arrivata a dare al Movimento di Grillo anche il 18% dei consensi. Se votassero solo gli utenti della Rete registreremmo un plebiscito pro-Cinque Stelle. Ma l'età media dei cttadini/elettori è alta, Internet non copre adeguatamente il 40% del Paese e c'è ancora una maggioranza di persone che si informa quasi esclusivamente sui media tradizionali. E' il motivo per cui Grillo ha deciso (controvoglia) di annunciare il suo ritorno in televisione per l'ultima settimana di campagna elettorale. Se il leader si 'spende' come fa con lo Tsunami tour, il Movimento sale. Molto probabilmente il 25 febbraio otterrà un risultato più vicino al 20 che non al 15%.

Infine Rivoluzione Civile. Antonio Ingroia nelle ultime due settimane ha impostato una campagna elettorale aggressiva. Difficile capire se la querelle con la Boccassini abbia portato più voti di quelli che ha sottratto. Nei sondaggi rimane stabile tra il 4-5%. Salvo exploit in singole regioni come la Campania, è molto probabile che la percentuale rimanga quella.

Sondaggi  elettorali
(Foto: Reuters / Giampiero Sposito)
Facciamo il punto
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

Più popolari

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci