• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Stefano Perazzo | 06.02.2013 13:05 CET

11.735 euro. Questa la cifra che ogni italiano sarà costretto a sborsare nel 2013 per imposte, tasse e contributi. I dati sono stati pubblicati nelle ultime ore dalla Cgia di Mestre. La pressione fiscale vola a livelli record e si assesta al 45,1% del Pil. Una perdita secca considerevole per i cittadini, costretti a faticare almeno 6 mesi solo per foraggiare le casse dello Stato.

Seguici su Facebook

Non si allenta la stretta impositiva. I dati sono leggermente migliori delle attese: qualche mese fa il Documento di economia e finanza parlava di una percentuale pari al 45,3%, 0,2 punti superiore a quella odierna. La parziale panacea è garantita dalle misure prese dal Governo in chiusura d'anno, contenute nella Legge di Stabilità.

Disarmante il confronto rispetto al 1980. Poco più di trent'anni fa, la pressione del Fisco era a quota 31,4%, ben 13,7 punti al di sotto di quella attuale. Attualizzando i dati, l'Erario godeva di 63,8 miliardi di euro. Noccioline in confronto ai 714, 3 miliardi preventivati a fine 2013. Altri tempi, è vero, ma ogni contribuente pagava annualmente 'solo' 5.215 euro (valore attualizzato), meno della metà di quello che è obbligato a trasferire oggi.

Giuseppe Bortolussi ha commentato sul sito della Cgia di Mestre: "Oltre a tener conto che per i contribuenti onesti la pressione fiscale reale si attesta ormai sopra il 54%, quando quest'ultima si calcola al netto dell'economia sommersa - afferma il segretario - possiamo tranquillamente affermare che nel 2013 gli italiani lavoreranno per il fisco sino alla metà di giugno. Una cosa insopportabile".

Occhio però al cosiddetto effetto Laffer. Secondo la teoria economica infatti esiste una soglia massima d'aliquota oltre la quale il gettito fiscale inizia a decrescere. Per livelli di pressione troppo elevati il contribuente ricorre a mezzi alternativi per sottrarre le proprie disponibilità alle ganasce del Fisco, non riuscendo più a sostenere il peso fiscale imposto. Siamo già arrivati a questo punto? 

 

 

Coins
(Foto: Fonte: Flickr / )
Foto scattata da xJason.Rogersx
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci