• Share
  • OkNotizie
  • +1
  • 0

Di Redazione IBTimes | 06.02.2013 15:47 CET

L'Italia non attua le regole penitenziarie europee. Napolitano non ha dubbi: le pessime condizioni in cui i detenuti devono vivere nelle carceri non fa onore all'Italia e invita la politica a prendere atto della situazione e a pensare a dei provvedimenti seri: "Nessuna parte vorrà negare gravità ed emergenza della questione carceraria. E' una situazione gravissima ed è in gioco l'onore dell'Italia. La Corte europea ha ragione". 

Reuters
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

Share This Story

Da non perdere

Seguici su Facebook

Queste le parole in seguito alla visita del capo dello Sato a San Vittore.
"La mancata attuazione delle regole penitenziarie europee - dice Napolitano - conferma la perdurante incapacità del nostro Stato a realizzare un sistema rispettoso del dettato dell'articolo 27 della Costituzione sulla funzione rieducativa della pena e sul senso di umanità. Il sovraffollamento -entra nel dettaglio- le condizioni di vita degradanti, i numerosi episodi di violenza e di autolesionismo, sintomo di una inaccettabile sofferenza esistenziale, la mancata attuazione dunque delle regole penitenziarie europee, dimostrano come lo Stato italiano non riesca ad attuare l'articolo 27 della Costituzione, e il concetto della rieducazione del detenuto sia ben lontano dall'essere attuato". 

Ricordiamo infatti che l'obiettivo primario del carcere è rieducativo e non punitivo. Napolitano lamenta quindi di non essere ascoltato e rincara la dose: "la situazione delle carceri italiane non consente lo spazio vitale garantito. Ho più volte, e anche molto di recente, colto ogni occasione per denunciare le insostenibilità delle condizioni del carcere e di coloro che vi sono rinchiusi e avrei auspicato che i miei appelli fossero accolti in maniera maggiore di quanto sia accaduto ma posso assicurare che questo è accaduto anche per vari altri appelli del Presidente della Repubblica riguardanti altre questioni".

Quanto agli inviti più volte lanciati al Parlamento aggiunge: "Quando faccio un appello o un richiamo è come se mandassi un messaggio in bottiglia che non so dove arriverà". Voglio dire - si spiega meglio - che questi sono i limiti dei poteri del presidente in un sistema che non è presidenziale e nemmeno vorrei lo diventasse".

 

Giorgio Napolitano
(Foto: Reuters / )
Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +1
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci