• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • -1

Di Claudio Forleo | 06.02.2013 16:47 CET

Quanto sono credibili i sondaggi? Chi ci guadagna? Domande legittime, a maggior ragione in campagna elettorale dove alcuni risultati vengono resi noti più per influenzare l'opinione pubblica che per fare informazione. Non è una scoperta di queste Elezioni. Come non lo è il fatto che dietro alcuni istituti si celino interessi politici.

Seguici su Facebook

Ma certe accuse lanciate dai Radicali in un'inchiesta condotta da Romano Scozzafava, Edoardo Cicchinelli e Mario Staderini (riportata da Blitz Quotidiano) sembrano avere le gambe corte.

Se è vero che dietro Euromedia Research c'è Alessandra Ghisleri, le cui "simpatie" berlusconiane sono note a tutti, altri due esempi portati dai tre Radicali non sembrano sostenute dai fatti. Citiamo Swg e Tecnè essendo tra i più 'mediatici'. Si punta il primo "che lavora per Raitre ed è controllato al 30 % da una finanziaria regionale del Friuli Venezia Giulia". Cosa significa 'lavora per Raitre'? Che sia di 'sinistra'? O che, visti i contrasti recenti tra il Tg3 e Grillo, sottostimi i CinqueStelle?

Nell'ultima rilevazione (1 febbraio) Swg dava il centrodestra in rimonta e il centrosinistra in calo. Weber, presidente Swg, in diretta su Agorà ha parlato di "effetto Mps e Balotelli" a favore di Berlusconi. Non solo: l'Istituto conferiva ai Cinque Stelle un eclatante 18%. Non proprio ragionamenti di chi tira la volata a Bersani.

Si scrive che Tecnè (che fornisce i sondaggi per Sky Tg 24) "è gestita da Carlo Buttaroni, già area Ds e oggi blogger del quotidiano (L'Unità, ndr) vicino al Pd". Sottointeso: altro istituto che favorisce il centrosinistra. A dire il vero Tecnè è stato tra i primi a parlare di "rimonta" berlusconiana e segnalare un costante calo del Pd. E nella rilevazione di ieri 5 febbraio i punti di distacco tra le coalizioni sono appena quattro.

Ci sono sondaggi e sondaggi e la credibilità o meno di certe rilevazioni si potrà misurare alla chiusura dei seggi il prossimo 25 febbraio. Ma sparare nel mucchio e fare di tutta l'erba un fascio non è mai stato un grande ragionamento.

Sondaggi  elettorali
(Foto: Reuters / Giampiero Sposito)
Chi c'è dietro?
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • -1

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci