• Share
  • OkNotizie
  • +5
  • 0

Di Valentina Beli | 18.02.2013 09:41 CET

Sondaggi elettorali, il Cav vede il sorpasso. "Grillo antidemocratico" Watch Video

"Grillo è un pericolo per la democrazia. Non propone nulla e le poche cose che dice non hanno nessun senso". Berlusconi continua a scagliarsi contro il leader del M5S, segno evidente che il Cav -per quanto dica e faccia- teme il movimento e la posizione che i sondaggi gli attribuiscono.

Seguici su Facebook

"Vedo in lui un pericolo che sottrae voti ai moderati -spiega- e fa vincere la sinistra. In Italia i voti si sono sempre distribuiti così: un terzo alla sinistra e due terzi ai moderati; questi hanno sempre vinto tranne i casi in cui si sono presentati divisi".  

Berlusconi non perde occasione per sottolineare come la politica del M5S prediliga un atteggiamento distruttivo senza proporre nulla di concreto per cambiare le cose, e appena può rifila bordate agli attivisti e al loro leader, che definisce "un fenomeno da baraccone".

Così rincorre il Pd. Anzi, sondaggi alla mano -segretissimi per gli elettori come previsto dalla legge- sostiene che il sorpasso sia avvenuto e adesso punzecchia i grillini.

Proprio ieri a Savona Grillo ha dichiarato: "Siamo la terza, no la seconda, anzi la prima forza di questo paese. Senza soldi, senza contributi, senza televisioni e giornali siamo diventati grandi. Noi il paese lo cambiamo e lo faremo a testa alta". 

Ma Grillo, mentre infuoca le piazze e annulla l'intervista su Sky, alza il tiro: "facce da c..o ci hanno sottovaluto, non si aspettavano della nostra forza. Devono andare a casa tutti. Faremo il politometro per vedere quanto hanno guadagnato in questi anni".

Intanto, nell'altra metà dell'emisfero della campagna elettorale si pensa a "smacchiare il giaguaro".  Anche Bersani sottolinea come l'agone politico sia essenzialmente tra le due coalizioni, mettendo all'angolo sia il MoVimento che gli altri 'partitini': "Sapete chi è l'avversario. O vinciamo noi o vincono Berlusconi e la Lega, il resto sono tutte balle. O lo smacchiamo noi questo giaguaro o non lo smacchia nessuno". 

Silvio Berlusconi
(Foto: Reuters / )
Ultima settimana di campagna. Silvio Berlusconi convinto della vittoria, ai microfoni di Rtl 102,5 attacca gli avversari. “Monti è disperato” e Grillo “un fenomeno da baraccone”. E poi l'inutilità dei voti dati Monti, Fini o Casini
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +5
  • 0

Partecipa alla discussione

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci