• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Redazione IBTimes Italia | 25.02.2013 19:11 CET

Si cambia alla guida dell'Alitalia. La cloche non sarà più in mano all'ad Andrea Ragnetti, che lascia l'incarico. Deleghe ad interim per il presidente Roberto Colaninno. La compagnia di bandiera è stata "salvata" in passato da una cordata di capitani coraggiosi, che hanno formato la Cai per rilevare gli asset, meno i debiti, della compagnia in bancarotta. Altra storia: adesso è necessario fare davvero i conti.

Seguici su Facebook

Conti che sono lapidari: nel 2012 l'Ebit, in sostanza il margine operativo, ha segnato meno 119 milioni, la perdita netta è stata di 280 milioni di euro. Non va bene neppure per Air France (che ha il 25% di Alitalia) con il gruppo Air France-Klm che chiude il bilancio 2012 con un miliardo e 200 milioni di perdite. E che quindi fa sapere non pensa di prenderne il controllo. E lo sottolinea con convinzione Philippe Calavia, direttore finanziario di AirFrance-Klm, "lo abbiamo già detto a più riprese, viste le nostre priorità e i nostri mezzi, che sono limitati," quindi niente controllo di Alitalia. Che solo poco tempo si era rifinanziata con 150 milioni di euro per far fronte ad una crisi di liquidità. Rifinanziamento avvenuto attraverso i soci, senza però che venisse messo sul piatto un nuovo piano aziendale, in attesa proprio del Cda di oggi. Sul tavolo dicevamo il cambio al vertice, indiscrezione che già da qualche tempo aleggiava nei corridoi, soprattutto sulla buonuscita di Ragnetti. Si è parlato a tal proposito di 4 milioni di euro, smentiti dall'interessato. Diventato ad meno di un anno fa, e che doveva rimanere in carica per tre anni.

Quello che è certo è che ci sia bisogno di una guida e di un piano strategico chiaro, vista la crisi del settore e la forte concorrenza (ora anche sulla tratta Roma-Milano) di compagnie low cost. Comunque i due vicepresidenti, Elio Catania e Salvatore Mancuso, dovrebbero avere un ruolo di primissimo piano per il futuro della compagnia. Dovranno guidare Alitalia nella tempesta del dei cieli europei. A breve dovrebbe arrivare anche della parere della Rothschild, la banca d'affari che aveva il compito di trovare partner commerciali per Alitalia.

L'obiettivo è di non svendere la compagnia, che pur se ha i conti in rosso, rimane comunque appetibile sia per i suoi slot che per la flotta. Per ora nessun abboccamento proficuo, probabilmente i potenzialoi compratori sono in attesa di capire chi guiderà l'azienda e anche il Paese.

 

 

Alitalia
(Foto: Wikimedia Commons / )
Un Boeing 777 Alitalia
Alitalia
(Foto: Wikimedia Commons / )
Un Boeing 777 Alitalia
1 2
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci