• Share
  • OkNotizie
  • +2
  • 0

Di Redazione IBTimes Italia | 26.07.2013 09:35 CEST

Costituzionalisti e personalità politiche firmano l'appello contro il ddl sulle riforme costituzionali che il governo vuole approvare (in prima lettura) prima della chiusura estiva del Parlamento. Una marcia a tappe forzate, favorita anche dalla deroga all'articolo 138 della Costituzione. L'appello è stato firmato da Alessandro Pace, Alberto Lucarelli, Paolo Maddalena, Gianni Ferrara, Cesare Salvi, Massimo Villone, Silvio Gambino, Antonio Ingroia, Antonello Falomi, Domenico Gallo, Raffaele D'Agata, Raniero La Valle, Beppe Giulietti e Mario Serio.

Seguici su Facebook

Pubblicato sull'edizione di oggi del Fatto Quotidiano, ne riportiamo alcuni passaggi.

Ignorando il risultato del referendum popolare del 2006 che bocciò a grande maggioranza la proposta di mettere tutto il potere nelle mani di un "premier assoluto", è ripartito un nuovo e ancor più pericoloso tentativo di stravolgere in senso presidenzialista la nostra forma di governo, posponendo a questa la indilazionabile modifica dell'attuale legge elettorale...

In fretta e furia e nel pressoché unanime silenzio dei grandi mezzi d'informazione la Camera ha iniziato a esaminare il disegno di legge governativo, già approvato dal Senato, di revisione della Costituzione in plateale violazione della disciplina prevista dall'articolo 138, che costituisce la "valvola di sicurezza" pensata dai nostri Padri costituenti per impedire stravolgimenti della Costituzione... 

Chiudere, a ridosso delle ferie estive, la prima lettura del disegno di legge, contrastando con le finalità dell'articolo 138 della Costituzione, impedisce un vero e serio coinvolgimento dell'opinione pubblica nel dibattito...

Nell'esprimere il vostro voto in seconda lettura del provvedimento di modifica dell'articolo 138, consideriate che la maggioranza parlamentare dei due terzi dei componenti le Camere per evitare il referendum confermativo, in ragione di una legge elettorale che distorce gravemente e incostituzionalmente la rappresentanza popolare, non coincide con la realtà politica del corpo elettorale del nostro Paese. Rispettare questa realtà, vuol dire esprimere in Parlamento un voto che consenta l'indizione di un referendum confermativo sulla revisione dell'articolo 138. È in gioco il futuro della nostra democrazia. Assumetevi la responsabilità di garantirlo...

La Costituzione
(Foto: Presidenza della Repubblica / )
La Costituzione
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +2
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci