• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Ilaria Sala | 13.08.2013 15:28 CEST

In uscita nelle sale il 29 agosto, Foxfire - ragazze cattive sarà proibito ai minori di 14 anni suscitando perplessità e rabbia nel regista Laurent Cantet che amareggiato si sfoga "La commissione censura pensa che gli adolescenti italiani abbiano meno capacità di discernimento dei coetanei francesi, belgi, argentini o canadesi? In nessuno di questi Paesi il film è stato censurato" continuando  "È questo che l'ufficio della censura italiana sembra volerci dire. Fortunatamente, i giovani sono dotati di un'intelligenza maggiore rispetto a quella che i censori attribuiscono loro. In tutti i miei film ho cercato di evitare di giudicare i miei personaggi e le loro azioni, mi sono fidato della lungimiranza e del senso etico degli spettatori nel formarsi la propria opinione".

Seguici su Facebook

 

Persino i distributori di Teodora, già censurata per il film 17 ragazze, Vieri Razzini e Cesare Petrillo si uniscono al regista: "Il divieto ai minori di 14 anni inflitto a Foxfire è una conferma ulteriore dell'arretratezza culturale di questo paese, in cui le televisioni generaliste sono libere di trasmettere in prima serata film di spaventosa violenza e un film di un grande autore viene penalizzato e ghettizzato come se potesse recare danno ai giovani italiani. Ma davvero la commissione pensa che una minore possa emulare le gesta delle protagoniste di Cantet, quando si ritrova tutti i giorni in tv davanti a coetanee che aspirano a diventare ricche e famose attraverso Amici o X-Factor, o sperano di entrare nella schiera delle invitate alle feste delle olgettine?". 

Sulla scia del precedente 17 ragazze, Fox fire, tratto dal romanzo di Joyce Carol Oates,  racconta di una ribellione adolescenziale femminile ambientata nella provincia americana degli anni cinquanta in cui un gruppo di ragazzine che, per ribellarsi alle umiliazioni subìte dagli uomini, creano il gruppo segreto Foxfire , minacciando i compagni con armi, facendosi giustizia da sole per le molestie subite e soprattutto facendo ben sentire la loro voce.

Così criticate dalla censura "per le continue e ripetute condotte di rottura delle regole con modalità violente" e "il farsi giustizia da sole" e per la rappresentazione degli adulti come totalmente negativi, pongono seri problemi di elaborazione in un minore di anni quattordici che potrebbe avere difficoltà a contestualizzare ed essere tentato da comportamenti emulativi. Risulta difficile, infatti, per un minore degli anni quattordici, la contestualizzazione che renderebbe maggiormente elaborabili e comprensibili i meccanismi che caratterizzano la storia. Peraltro, il gruppo delle ragazze viene presentato in veste eroica e anche per questo le condotte a rischio possono essere lette come attraenti". È questa la motivazione data dalla Commissione di revisione di primo grado per il nulla osta di proiezione in pubblico con il divieto di visione ai minori degli anni quattordici.

Il regista ammette che il film certo non rappresenta un mondo ideale: "gli adulti sono orchi selvaggi, le madri a volte matrigne crudeli e le giovani figlie non esattamente delle sante. E allora sì, la morale non è sempre all'altezza di quello che gli adulti possono sperare. Ma siamo ben lontani dallo spettacolo di violenza di certi videogiochi o serie tv a pagamento, in Italia come altrove. Privare un giovane spettatore di questo film significa privarlo di un utile strumento di riflessione sulla violenza e sulla complessità del mondo. Gli adolescenti sono capaci di comprendere la frontiera che separa finzione e realtà e affermare il contrario, come fa la censura italiana, è prenderli per degli imbecilli, cosa che io mi rifiuto di fare".

Forse il solo pensiero che alcune giovani donne si rivoltino alla violenza che subiscono è ancora troppo rivoluzionario per il nostro Paese.

Fonte: comingsoon.it

 

 

Laurent Cantet au festival de Cannes
(Foto: wikimedia / Georges Biard)
Laurent Cantet au festival de Cannes
Laurent Cantet au festival de Cannes
(Foto: wikimedia / Georges Biard)
Laurent Cantet au festival de Cannes
1 2
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte
  • Rate this Story
  • 0
  • 0
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia linkata la fonte

Partecipa alla discussione

IBTimes TV
Follow IBTimes Entertainment