• Share
  • OkNotizie
  • +3
  • 0

Di Alessandro Martorana | 22.08.2013 16:13 CEST

Espulsione di massa coronale rilevata dalla <span class=NASA il 20/8/2013 (Credits: ESA & NASA/SOHO, SDO)" width="630" />
Espulsione di massa coronale rilevata dalla NASA il 20/8/2013 (Credits: ESA & NASA/SOHO, SDO)

 

Seguici su Facebook

NASA ha rilevato un'enorme espulsione di massa coronale (o CME, coronal mass ejection) sul Sole: si tratta di un fenomeno in grado di "sparare" nello spazio miliardi di tonnellate di particelle, che possono raggiungere la Terra in pochi giorni. In base ai modelli sviluppati dall'agenzia spaziale statunitense, è stato calcolato che le particelle hanno lasciato il Sole ad una velocità di oltre 900 km/s.

La CME potrebbe causare un fenomeno denominato tempesta geomagnetica, che si verifica quando l'energia viene convogliata per un periodo di tempo esteso verso la magnetosfera della Terra, ossia l'area nella quale il camo magnetico del nostro pianeta domina il moto delle particelle cariche presenti.

"Queste particelle - precisa NASA - non sono in grado di viaggiare attreverso l'atmosfera provocando danni per gli esseri umani, ma possono comunque influire sul funzionamento dei sistemi elettronici nei satelliti e a terra".

Questo significa che la tempesta solare potrebbe causare problemi alla rete elettrica ed a tutti i dispositivi che basano il proprio funzionamento sui satelliti, come ad esempio i telefoni cellulari ed i navigatori, così come le comunicazioni radio. Nel 1989 un'altra tempesta geomagnetica ha causato un black-out elettrico nella provincia canadese del Quebec.

Il fenomeno è anche in grado di generare delle forti aurore, con tonalità variabili tra il verde, il blu ed il rosso, in vaste aree vicine ai poli magnetici della Terra, che prendono il nome di Luci del Nord (aurore boreali) nell'emisfero settentrionale e Luci del Sud (aurore australi) in quello meridionale.

La tempesta geomagnetica non dovrebbe causare problemi agli astronauti che si trovano sull'International Space Station, tra i quali il nostro Luca Parmitano: lo spessore delle pareti estrene di alcune aree del laboratorio orbitante è in gradi di fornire una schermatura sufficiente a contenere le radiazioni assorbite ad un livello non dannoso.

[Fonte: NASA]

LEGGI ANCHE:

Kepler-78b, il pianeta dove un anno dura 8 ore

"Non capivo neanche in che direzione andavo", Parmitano descrive il problema della passeggiata spaziale 

Scegliere il nome di pianeti e stelle: adesso potranno farlo tutti  

Il Sole
(Foto: NASA/SDO (AIA) / )
Il Sole
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • +3
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci