• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Luca Lampugnani | 24.08.2013 16:59 CEST

Nonostante la Sardegna registri un tasso di disoccupazione più alto di 6 punti percentuali rispetto al dato nazionale (18,6% contro 12,1%), e un calo di 43mila unità lavorative solo durante lo scorso anno, la Regione non bada a spese per quanto riguarda la pubblicità. È dell'8 agosto, infatti, una delibera della giunta presieduta dal governatore Ugo Cappellacci, Pdl in carica dal 2009, che stanzia 136mila euro con Iva esclusa "a favore della Società Visibilia Srl" di Daniela Santanchè, concessionaria pubblicitaria che 'creerà' "sette inserti interamente dedicati alla Sardegna" da pubblicare sul quotidiano 'il Giornale'.

Seguici su Facebook

"Il progetto editoriale - si legge ancora sulla delibera - è dedicato alle azioni che hanno connotato l'attività istituzionale della Regione nei diversi settori strategici. Nell'ambito degli inserti saranno sviluppati i temi del turismo, dell'ambiente, dei trasporti, dell'economia, della sanità, dell'innovazione tecnologica, dell'agricoltura e della zona franca".

Un operazione per la verità non nuova, quella del presidente della Regione, sempre molto attento e propenso a spendere e spandere per quanto riguarda la 'comunicazione': già nel 2011 i fondi per la pubblicità istituzionale, inizialmente fissati in 3milioni e 856mila euro, avevano avuto un significativo aumento di all'incirca 3milioni, mentre l'anno scorso fu aspra la polemica tra Cappellacci e la scrittrice Michela Murgia, candidata alle regionali, riguardo lo stanziamento di 796mila euro che vennero divisi tra una trentina di società, compresa quella della 'pitonessa' del Pdl.

Anche in occasione della delibera di poche settimane fa non sono mancati i botta e risposta, e in prima linea a mettere in dubbio l'utilità del nuovo ingente utilizzo di soldi pubblici si è schierato il vicepresidente Pd del Consiglio regionale Mario Bruno che su Facebook scrive:" Nell'approvare lo stanziamento di 136 mila euro (iva esclusa) a Il Giornale, per sette inserti "interamente dedicati alla Sardegna nell'ambito dei quali saranno sviluppati i temi del turismo, dell'ambiente, dei trasporti, dell'economia, della sanità, dell'innovazione digitale, dell'agricoltura e della zona franca", la Giunta ha tenuto conto "del qualificato livello e dell'ampia diffusione nazionale, sia in edicola che attraverso web, del predetto organo di stampa, nonché della qualità della proposta sopra illustrata, quale efficace strumento di divulgazione e valorizzazione della Sardegna e del suo sistema territoriale e produttivo". Due riflessioni: quale ricaduta dovrebbe portare la pubblicazione su quel quotidiano di questi inserti di propaganda, quali effetti concreti sul turismo o sul lavoro? E perché proprio al giornale della famiglia Berlusconi?".

Piccata la risposta di Alessandro Serra, portavoce del governatore:"La nostra campagna 'Sardegna è tutta un'altra storia' è stata pubblicata su l'Espresso, La Repubblica, Il Sole 24Ore, persino su Tiscali. Si polemizza solo perché questa volta lavoriamo con il Giornale: questo è un atteggiamento bifronte".

Ma nonostante i battibecchi della politica, ci sono effettivamente dei punti poco chiari rispetto a questa operazione: stando a quanto riporta Sardiniapost, il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti ha una buona tiratura in Lombardia dove sicuramente gli inserti saranno seguiti, rischiando però di 'tagliare fuori' una grossa fetta di cittadini dalla campagna pubblicitaria. Inoltre molti dubbi sorgono anche sulla scelta di tempo della pubblicazione che avverrà "tra settembre e ottobre", periodo non propriamente vacanziero per una regione come la Sardegna.

 

santanchè
(Foto: Reuters / Alessandro Bianchi)
Daniela Santanchè
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci