• Share
  • OkNotizie
  • 0
  • 0

Di Gabriella Tesoro | 26.08.2013 20:13 CEST

A un anno esatto dall'approvazione della legge che vieta la prostituzione per le strade di Zurigo, sono stati inaugurati nella città svizzera degli spazi appositamente dedicati alla prostituzione.

Seguici su Facebook

La zona, che sarà quotidianamente sorvegliata dalla polizia, si trova in una vecchia area industriale dismessa ed è composta da diverse strutture in legno dotate di un parcheggio coperto a disposizione dei clienti, bagni, docce e armadietti sorvegliati. Per usarli le prostitute dovranno chiedere un permesso e pagare una tassa, ma avranno la possibilità di poter usufruire di un centralino per chiedere aiuto se si dovessero trovare in una situazione di pericolo e saranno seguite da un'assistente sociale che si occuperà di garantire la loro sicurezza. Le strutture saranno aperte dalle 19 alle 5 di mattina e vi potranno lavorare solo prostitute che abbiano compiuto i 18 anni di età che paghino una quota di 40 franchi all'anno e cinque franchi al giorno di tasse per contribuire al mantenimento del drive-in. Vietate le telecamere: sia per non scoraggiare i clienti, sia perché, secondo le autorità, è sufficiente la presenza sul posto delle pattuglie di forze dell'ordine.

L'iniziativa, che è stata messa in atto anche in diverse città della Germania e dei Paesi Bassi, è stata finanziata con soldi pubblici, è già costata 2,4 milioni di franchi svizzeri e si prevede di spenderne 700mila all'anno per la manutenzione delle strutture.

In Svizzera la prostituzione è legale dal 1942 e i drive-in sono stati richiesti da molti cittadini per allontanare le prostitute dal centro e avere maggiore sicurezza. "È solo un esperimento, ma era necessario trovare una soluzione" ha commentato Jean-Marc Hensh, un commerciante che si lamentava di quanto la prostituzione creasse problemi di decoro e igiene nel centro della città.

 "Non possiamo eliminare il problema della prostituzione, ma possiamo ridurre la violenza e lo sfruttamento" ha dichiarato Michael Herzig del dipartimento affari sociali del comune di Zurigo.

 

 

Il cartello stradale che indica il luogo in cui si trova il drive-in del sesso
(Foto: Reuters / )
Il cartello stradale che indica il luogo in cui si trova il drive-in del sesso
© International Business Times: riproduzione permessa purché sia citata la fonte
  • Valuta questo articolo
  • 0
  • 0

Partecipa alla discussione

IBTimes TV

Condividi

 Media Kit
Media Kit
Strumenti
Topics
Archivi
TV
Aggiornamenti
RSS
Twitter
Facebook
Edizione Italia
Team
Contattaci