"Avere due papà è induzione a crescere omosessuale"

di 23.01.2013 18:05 CET
Coppie gay
Coppie gay reuters.com

"Crescere con due papà prima di tutto è una induzione ingiustificata a crescere gay, può farlo, ma deve essere una scelta del bambino. Sono contrarissimo alle discriminazioni sessuali contro i gay, sia chiaro, ma ho forti perplessità sull'adozione perchè pongo al primo posto la tutela del bambino stesso". E' il pensiero di Ignazio La Russa, fondatore e candidato del partito Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale, ai microfoni di «KlausCondicio».

Nel corso dell'intervista l'ex esponente del Pdl argomenta le ragioni del "no". "Secondo me il diritto naturale, oltre che la nostra Costituzione, ci porta a una coppia formata da un uomo e da una donna. Il modello ipotizzato non va bene perchè quello che va tutelato è il diritto di un bambino di poter scegliere dopo, in autonomia, e, se non può scegliere, come non possiamo scegliere noi che siamo nati con un padre e una madre, tutte le altre opzioni non possono essere imposte a un bimbo".

"In linea di massima posso immaginare - abbiamo esempi soprattutto cinematografici e, per la verità, nella vita io non ne ho visti molti - una coppia gay che alleva benissimo un figlio o una figlia. Può capitare, non lo escludo, ma immaginare che possa essere un modello è sbagliato. È anche una menomazione, una limitazione del diritto dei bambini di poter godere dell'affetto di persone di sesso diverso, cosa che dà equilibrio".

"Sappiamo che tante donne che vivono con altre donne, lesbiche insomma per usare un termine comune, stanno già aggirando la norma delle adozioni perchè, grazie alla fecondazione, fanno un bambino all'estero e poi tornano in Italia. Con una coppia gay come genitori cresce comunque un innocente, incolpevole bambino che magari vorrebbe avere un papà e una mamma e non due mamme".

Commenti