BASKET NEWS. BOGUT fuori a tempo indeterminato, CANTU’ cade a Mosca

  | 29.11.2012 18:34 CET
Andrew Bogut
Il lungo australiano dei Warriors

Arrivato nello scambio con Milwaukee e sottoposto ad una delicata operazione di pulizia alla caviglia. Dopo le tante assenze, la mancanza dai campi di Andrew Bogut sembra essersi prolungata, dal momento che il limite di tempo fissato ed indicato dalla franchigia dei Golden State Warriors, è stato superato. Le voci sono iniziate a girare come cani che si mordono la coda ed allora interrogato al riguardo il lungo australiano ha cosi avuto modo di spiegare la sua situazione: «Non ha senso fissare scadenze, si aumentano solo le speranze della gente. Ecco perché con la società abbiamo deciso di stabilire che sarà fuori a tempo indefinito».

TONFO CANTU' A MOSCA- Troppe le assenze, troppe le frecce in meno nella faretra di coach Trinchieri per l'impresa sperata dai tifosi canturini. Ed allora senza Aradori, Scekic e Smith, i brianzoli cadono ed anche pesantemente a Mosca con il punteggio finale di 77-53. A pesare fortemente sull'andamento del match è stato il parziale del secondo periodo di gioco chiuso dai padroni di casa sul 21-7. Uno schiaffo in piena faccia dal quale Cantù non si è mai ripresa tirando i remi in barca nella parte finale del secondo tempo e risparmiando energie in vista della trasferta campana contro la Juvecaserta.

STOUDEMIRE PRONTO A PARTIRE DALLA PANCHINA - Il suo ritorno in campo è previsto tra almeno due settimane eppure nella Grande Mela non si fa che parlare del ritorno in campo di Amar'e Stoudemire; non si fa altro che parlare del ruolo che avrà in campo, del rapporto con Carmelo Anthony e come si inserirà all'interno di una squadra che in questo periodo ha trovato un equilibrio vincente. Tutte domande che sembrano aver trovato delle risposte all'interno di una fonte anonima, ma molto vicina al giocatore che sarebbe pronto a giurare sulla disponibilità dell'exz Phoenix a partire dalla panchina e della volontà d essere solo ed esclusivamente un aiuto e non un pensiero per i Knicks.

 

Commenti