Berlusconi-Lega, accordo raggiunto nella notte

di 07.01.2013 7:52 CET
Maroni, no al condono di Berlusconi
Maroni, no al condono di Berlusconi IBTimes

Alla fine l'annuncio è arrivato in radio, durante un'intervista a Berlusconi su Rtl 102.5: "Habemus papam. Questa notte all'una è trenta è stato firmato un accordo tra noi e il Carroccio. Ho firmato io e per la Lega Nord Roberto Maroni che sarà candidato in Lombardia,io sarò il leader moderati. Premier sarà da decidere ove vincessimo".

Il compromesso è stato raggiunto anche sul candidato premier: una via di mezzo tra la volontà di Silvio Berlusconi di non farsi completamente da parte e la richiesta della base leghista, contraria al nuovo abbraccio con il Cavaliere, di non indicarlo come primo ministro in caso di successo alle elezioni. Per entrambi l'alleanza era fondamentale. Senza il Pdl Maroni avrebbe avuto difficoltà a battere Umberto Ambrosoli alle Regionali in Lombardia. Senza la Lega viene meno il piano di Berlusconi: vincere o pareggiare al Senato, grazie alla conquista del premio di maggioranza in Lombardia e Veneto, roccaforti leghiste.

"La mia esperienza di uomo di azienda e di governo, o di non governo per i pochi poteri che premier ha, penso sia la più giusta per mettere le mani nel calderone della cosa pubblica, con le riforme, nella veste di ministro dell'Economia - ha dichiarato il tre volte Presidente del Consiglio - Io ho già indicato il mio successore e penso sarà ancora lui: Angelino Alfano. Se vinceremo lui sarà il premier ed io ministro dell'Economia".

Nuovo attacco a Monti: "Io sono pronto a dialogare con tutti, ma Monti è stato una grande delusione. Con le dichiarazioni di ieri su Imu e tasse si è rivelata la realtà vera: ci siamo fatti tutti ingannare. Lui rientra nella categoria dei professori che prendono lo stipendio e che l'economia la guardano dal buco della serratura".

"Passera premier del centrodestra? No, posso escluderlo nella maniera più decisa" la chiosa di Berlusconi in risposta all'intervista del ministro rilasciata al Corriere della Sera

Commenti