Berlusconi 'mette la freccia': "Monti e Bersani disperati"

di 05.02.2013 12:27 CET
Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi Reuters

Silvio Berlusconi, intervistato in 'casa' da Studio Aperto, non si cura delle critiche alle sue proposte fiscali, bocciate anche dagli alleati Maroni e Tremonti, e 'vede' un sorpasso imminente al centrosinistra.

"I miei avversari (in riferimento a Monti e Bersani, ndr) mi attaccano perché sono disperati. Credevano di avere vittoria a portata di mano e invece la distanza da noi continua a ridursi e li abbiamo quasi raggiunti e siamo in area sorpasso - azzarda il Cavaliere - Prima del voto avremo anche altre novità positive da comunicare ai cittadini".

"Il programma della sinistra è una continuazione della politica adottata da questo governo - prosegue Berlusconi - Il mantenimento dell'Imu sulla prima casa, una nuova patrimoniale, l'aumento dell'Iva e nessuna riduzione dell'Irap. Non riescono a fare altro".

Lo spread risale in concomitanza con la sua risulta nei sondaggi, ma secondo l'ex premier si tratta di coincidenze: "È un'altra delle stupidaggini che abbiamo sentito da parecchio tempo, e soprattutto in questi giorni: gli interessi che dobbiamo pagare sui nostri titoli del debito pubblico sono assolutamente indifferenti sia all'attività di governo che ai programmi di governo".

Commenti