Berlusconi non vuole il confronto a sei. Salta il dibattito Rai?

di 29.01.2013 13:38 CET
Berlusconi
Processo Mediaset, no a legittimo impedimento Reuters

Silvio Berlusconi non vuole confrontarsi in televisione con tutti e sei i leader delle varie coalizioni e/o movimenti che si presentano alle Elezioni del 24-25 febbraio. L'ex premier rischia così di far saltare il dibattito in programma per sabato prossimo sulle reti Rai. Lo sostengono fonti del Pd citate dal Fatto Quotidiano.

Oltre al Cavaliere dovrebbero partecipare Pierluigi Bersani, Mario Monti, Beppe Grillo, Antonio Ingroia e Oscar Giannino. Il dibattito sarebbe condotto da Bruno Vespa e dal nuovo direttore del Tg1 Mario Orfeo.

Berlusconi, così come Monti, vuole limitare la platea ai tre leader degli schieramenti di destra, sinistra e centro. Bersani invece è un sostenitore del confronto a sei. Ingroia e Giannino si sono già detti disponibili a partecipare. Non si è ancora espresso Beppe Grillo che da Ravenna aveva annunciato il suo ritorno in tv solo in occasione "dell'ultima settimana di campagna elettorale".

Commenti