Bersani:"Lealtà e sostegno al governo Monti". Secco no all'election day

di 06.12.2012 10:16 CET
Bersani, leader del Pd
Bersani, Pd reuters

Dopo l'incontro a palazzo Chigi tra il premier Mario Monti e il neo segretario del Pd Pierluigi Bersani, quest'ultimo ha confermato ciò che disse un anno fa, ovvero "lealtà e sostegno al governo fino alla fine ed impegno a portare avanti le norme in Parlamento cercando anche miglioramenti".

Inoltre, ha sottolineato la sua fiducia al governo tecnico augurandosi che "nessuno tiri Monti per la giacca, non è utile al Paese e io non lo farò".

Per quanto riguarda la famosa legge elettorale, Bersani ha dichiarato che il tema non è stato trattato durante l'incontro con Monti, ma "il Pd è assolutamente disponibile e punta ad una intesa". Purtroppo però  "ogni due giorni dal Pdl arriva una propensione diversa", quindi - sottointende il segretario -  per ora noi abbiamo le mani legate.

Rispetto all'election day e alle pressioni che il partito di Berlusconi sta esercitando sul governo, Bersani ha riferito di non essere d'accordo su un accorpamento regionali-politiche. Infatti, secondo il segretario  "è utile votare per tempo per le Regioni perché in alcune manca il governo e poi andare a scadenza di legislatura". 

Ai giornalisti che gli chiedevano se è incluso anche Monti nello 'squadrone' del centrosinistra, il leader del Pd ha risposto con una battuta: "Che squadrone grande! Non vorrei annettere proprio tutti".

Commenti