“Bombardiamo la Luna”. Il folle piano degli Stati Uniti per spaventare l’Urss

  | 29.11.2012 18:26 CET
Luna
La Luna, anche da giovanissima, conteneva acqua al suo interno

Negli anni Cinquanta gli Stati Uniti volevano bombardare la Luna. Perchè? Per mostrare i muscoli all'Unione Sovietica. La storia, adatta alla sceneggiatura di un film più che ai piani strategici di una superpotenza, viene svelata da alcuni documenti segreti resi pubblici la scorsa settimana e ora consultabili online.

Il piano A 119 prevedeva il lancio di una testata nucleare sul satellite lunare al solo scopo di far paura a Mosca. Poi qualcuno dalle parti della Nasa rinsavì e chiuse in un cassetto il folle progetto, nato nel 1957 il giorno dopo il lancio in orbita del satellite russo Sputnik, che fece venire i sudori freddi a Washington.

L'idea venne all'Aeronautica americana, ma a distanza di mezzo secolo c'è chi dubita che al tempo gli Stati Uniti avessero a disposizione una tecnologia così sviluppata per far arrivare un missile sulla Luna. Il progetto venne svelato per la prima volta una decina di anni fa dall'ex vice-direttore della Nasa Leonard Reiffel, ma i documenti resi pubblici in questi giorni hanno "riacceso" la storia.

Cosa convinse gli Usa a fare un passo indietro? Le conseguenze disastrose in caso di mancata riuscita del piano. Qualcuno ebbe un "lampo di genio" e capì che contaminare di radioattività la Luna avrebbe potuto causare qualche "problema". E li chiamano scienziati.

Commenti