Calabria, più di 120 profughi siriani sbarcano a Crotone

  | 09.08.2012 16:00 CEST

Un motopeschereccio, chiamato "Tusa", con a bordo 157 persone è stato intercettato dalle autorità italiane a largo delle coste calabresi. L'imbarcazione è stata scortata ieri sera nel porto di Crotone. Tra i 157 profughi, 124 sono siriani in fuga dalle violenze del regime di Assad. I restanti sono 30 afghani e 3 turchi, due dei quali sono stati arrestati con l'accusa di traffico di immigrati. Tra i profughi, inoltre, ci sono 36 donne, di cui una incinta, e 48 bambini. A riferirlo è la polizia di Stato.

"Stiamo ancora cercando di capire da dove sia partita la nave, ma solitamente quelle che raggiungono Crotone provengono dalla Grecia" ha dichiarato un portavoce della prefettura di Crotone all'agenzia di stampa Reuters. "Finora nessuno ha fatto domanda di asilo" ha poi aggiunto.

È la prima volta che la crisi siriana fa ripercuotere le proprie conseguenze su un paese europeo, se si esclude la Turchia. Proprio in quest'ultima sono arrivati ben 2mila siriani negli ultimi due giorni portando a 50mila il numero complessivo di rifugiati che dalla Siria cercano di approdare in Turchia.

 

Commenti