CALCIOMERCATO. BALOTELLI al MILAN: è ufficiale

di 29.01.2013 16:25 CET
Mario Balotelli
Mario Balotelli Reuters

Si chiude la telenovela tra Manchester City e Milan per Mario Balotelli. L'attaccante della nazionale italiana, infatti, è un giocatore rossonero. Il club rossonero ha infatti raggiunto un accordo con il Manchester City per il trasferimento del giocatore a Milano. bLo ha annunciato Milan Channel: il giocatore domani sosterra' le visite e firmera' il contratto fino al 2017.

Robinho a rischio cessione. Balotelli va a rinforzare il reparto offensivo rossonero composto da Pazzini, El Shaarawy, Robinho e Bojan. Con molta probabilità ora Galliani tenterà di trattare per la cessione del brasiliano al Santos. Dopo Pato, insomma, un altro carioca potrebbe tornare in patria. Non si esclude, inoltre, un ritorno in rossonero per l'attuale punta della Sampdoria Maxi Lopez.

La carriera in Inghilterra. Nella sua permanenza con i citizens, Supermario ha vinto una Premier League, una Coppa d'Inghilterra e una Community Shield dopo che con l'Inter aveva vinto tutto essendo tra i protagonisti di quella squadra (allenata da Mourinho) che aveva centrato il triplete nel 2009-2010. La sua permanenza al City non e' stata priva di problemi e di situazioni che lo hanno "trascinato" nelle prime pagine dei tabloid inglesi. L'ultima e' successa qualche settimana fa. Entrata dura in allenamento su Sinclair, Roberto Mancini gli ordina di scusarsi col compagno ma SuperMario dice no e i due quasi arrivano alle mani. Inevitabile che quanto accaduto al centro di Carrington finisca in prima pagina su tutti i principali siti inglesi ma con Balotelli non e' una novita'. Dal suo arrivo al Manchester City nell'estate 2010 il 22enne attaccante italiano non ha faticato troppo nel far parlare di se' per questioni extracalcistiche.

LEGGI ANCHE

JUVENTUS STADIUM, boom di MULTE dal giudice sportivo: 23 in due anni

CALCIOMERCATO. Il MILAN 'bilnda' EL SHAARAWY, rinnovo fino al 2018. ASSALTO finale a BALOTELLI

CALCIOMERCATO NAPOLI. Assalto a ROLANDO, idea XHERDAN SHAQIRI

Commenti