Calciomercato Napoli. Partenopei scatenati: tre colpi in arrivo. Ora la grana Reina: c'è Handanovic?

di 27.06.2017 10:19 CEST
Handanovic, portiere dell'Inter
Handanovic, portiere dell'Inter Reuters

Il mercato del Napoli s’infiamma all’improvviso. Nella giornata di lunedì è stato definito l’acquisto di Adam Ounas, ventenne esterno offensivo del Bordeaux che per fisico e caratteristiche ricorda tantissimo Mertens. Ha vinto la volontà del giocatore di trasferirsi alle falde del Vesuvio: nelle ultime ore, infatti, era diventato asfissiante il pressing della Roma e dello Zenit San Pietroburgo di Mancini. In settimana svolgerà le visite mediche, poi firmerà un quinquennale da 1 milione a stagione.

Al club transalpino dovrebbero andare circa 10 milioni. Ounas può giocare sia a sinistra che a destra: dunque, per Sarri può costituire un’alternativa tanto a Insigne quanto a Callejon. Entra nel vivo anche la trattativa per il 21enne Berenguer dell’Osasuna. Gli spagnoli continuano a chiedere l’intero pagamento della clausola rescissoria da 9 milioni, il Napoli è fermo a 6 milioni più bonus. L’impressione è che anche in questo caso sarà decisiva la volontà del calciatore. Non si ferma qui il mercato in entrata dei partenopei: è molto vicino all’azzurro Mario Rui, che Sarri conosce bene per averlo allenato ai tempi dell’Empoli. Il terzino ha già chiesto alla Roma di essere ceduto: si tratta sulla base di 8 milioni di euro.

Ora il Napoli dovrà quanto prima chiarire il futuro di  Reina, che continua a chiedere un rinnovo triennale. Se il portiere spagnolo dovesse restare, gli verrà affiancato un giovane promettente (Meret?), ma non è da escludere la permanenza di Sepe. In caso di addio anticipato dell’ex Liverpool e Bayern Monaco rispetto al contratto in scadenza nel 2018, è spuntata una clamorosa ipotesi: secondo quanto riferito da TuttoSport, Sarri chiederà a De Laurentiis uno sforzo per arrivare ad Handanovic. Tuttavia sempre una pista molto difficile da percorrere e che sarebbe legata agli introiti derivanti dalle cessioni e all’eventuale qualificazione alla fase a gironi della Champions League.