Calciomercato Roma. Dopo Salah anche Manolas e non solo: i giallorossi perdono pezzi

di 23.06.2017 10:59 CEST
Il difensore della Roma, Manolas
Il difensore della Roma, Manolas Reuters

Bastava l'addio di Totti per calare la Roma nel pieno del suo anno zero. Ma la rivoluzione tecnica in corso ne aumenta l'enfasi, e sottolinea quanto i giallorossi di domani saranno diversi da quelli di ieri. In questo momento però, i pezzi si perdono senza sostituirli. Dopo la partenza annunciata di Salah, potrebbe essere Manolas il prossimo a lasciare Trigoria in direzione Zenit San Pietroburgo. Un vero colpo di scena, quello tra il centralone ellenico e la società capitolina, visto che al termine del campionato erano emerse sensazioni positive per proseguire insieme.

Ora invece la rosa giallorossa è ridotta all'osso, con le sirene che suonano incessanti anche per Rudiger, Nainggolan, e infine Paredes. Per quel che riguarda i primi due, l'eventuale buco di Manolas potrebbe far sorridere i tifosi romanisti: sarebbe davvero incredibile se la Roma decidesse di privarsi di altri pezzi pregiati, nonostante il concreto interesse dell'Inter. Il centrocampista argentino invece ha le valigie in mano. Lo stesso Zenit ma soprattutto il Borussia Dortmund sono pronti a mettere mano al portafoglio per aggiudicarselo: per una buona offerta non dovrebbero trovare troppa resistenza.

Spunta così uno scenario. Dalla cessione di Salah i giallorossi incassano fino a 50 milioni, ne potrebbero arrivare 30 da Manolas e altrettanti da Paredes. Staremmo parlando di un tesoretto di oltre 100 milioni, che il ds Monchi e la società potranno investire per la Roma del futuro. Qualche ritocco è già in corso d'opera, soprattutto a beneficio della retroguardia. Hector Moreno ha le qualità per ritagliarsi uno spazio di tutto rispetto, anche il giovane Karsdorp è in dirittura d'arrivo dal Feyenoord e rappresenta un profilo interessante. Ma ovviamente così non basta. Oltre al nuovo Salah si cerca qualche altro acquisto mirato che possa esaltarsi nel 4-3-3 di Di Francesco: con Berardi si prenderebbero due piccioni con una fava. L'estate di fuoco della Roma è appena cominciata.