Capire la Finanza: Analisi Tecnica e Analisi Fondamentale. Cosa sono?

di 30.08.2012 10:42 CEST
Un trader a lavoro in Intesa San Paolo, Milano
Un trader a lavoro in Intesa San Paolo, Milano Reuters

Come fa un investitore a scegliere i titoli da comprare/vendere, da tenere in portafoglio o da tenere per pochissimo tempo? Gli strumenti più utilizzati a supporto delle scelte di investimento sono principalmente due: Analisi Fondamentale e Analisi Tecnica.

Analisi Fondamentale - L'Analisi Fondamentale è quello strumento che consente all'investitore di scegliere un titolo in base a variabili economico-finanziarie. Le variabili analizzate dall'investitore sono le principali voci del bilancio d'esercizio della società presa in esame, l'operato del management, l'evoluzione del settore in cui opera l'azienda e gli eventi micro e macroeconomici che incidono direttamente sull'attività aziendale. L'investitore che fa uso di analisi fondamentale ha essenzialmente un orizzonte temporale di investimento medio-lungo. Lo scopo principale dell'investitore è quello di comprare un titolo ad un prezzo inferiore (comprare a sconto) a quello di mercato così da ricavarne un utile in futuro al momento della vendita.

Analisi Tecnica - L'Analisi Tecnica (o AT) è quello strumento che consente all'investitore, generalmente un trader, di prevedere l'andamento futuro dei prezzi tramite uno studio grafico-quantitativo. L'approccio, a differenza dell'analisi fondamentale, è di tipo statistico basato sulla ripetizione di figure (a livello grafico) coadiuvato da oscillatori statistici e indicatori grafici. Concetti come Trend, Supporto e Resistenza sono alla base della comprensione dei principi base dell'Analisi Tecnica. L'analisi tecnica è uno degli strumenti di analisi più usati dai trader e dagli investitori con un'ottica di investimento molto breve (speculativa). L'AT è il metodo d'analisi più utilizzato dai trader.

Commenti