“Chi” attacca la Boccassini: dal mozzicone a terra al look

  | 20.12.2012 12:18 CET
Processo Ruby
Nell'ultima udienza parla il pm Fiorillo

Ilda Boccassini è finita sotto i riflettori del settimanale “Chi”: il pm, che al momento sostiene l'accusa nel processo Ruby, in cui è imputato Silvio Berlusconi e si occupa del sequestro del ragioniere di Arcore Giuseppe Spinelli, è stata la protagonista di un servizio fotografico dal giornale del gruppo Mondadori di proprietà della famiglia del Cavaliere.

Paparazzata in pieno centro a Milano mentre fa spese con un’amica, la Boccassini è “colpevole” di buttare distrattamente per terra la sigaretta lasciata a metà, mentre “depone con cura un pacchetto in un sacchetto più grande”. Il pm viene inoltre accusata di avere un look troppo "particolare": l'articolo su “Chi” passa in rassegna le sue calze a righe, la borsa in stampa animalier e la sciarpa “da 300 euro” che è una “reinterpretazione della Smorfia napoletana, in modal e seta”.

Lo stesso articolo “poco simpatico” era stato riservato a Raimondo Mesiano, il giudice che ha condannato il gruppo Fininvest a versare alla Cir di Carlo De Benedetti 750 milioni di euro. Nel 2009, Canale 5 gli dedicò un servizio in cui il giudice fumava qualche sigaretta, andava dal parrucchiere e si sedeva su una panchina. In più, indossava calzini azzurri con mocassini bianchi. Tutti elementi descritti nel servizio come “stranezze”.

Una tattica per screditare il pm durante il processo contro il Cavaliere? La Boccassini, negli ultimi giorni, ha affermato che l'assenza in aula di Ruby è stata solo un modo per dilatare i tempi del processo a carico di Berlusconi, accusato di concussione e prostituzione minorile. Dopo queste affermazioni la Boccassini un po' di fango doveva aspettarselo.

Leggi anche:

Processo Berlusconi: Ruby assente ingiustificata, multata per 500 euro

Caso Ruby, udienza rimandata. Boccassini: "Si dilatano i tempi per arrivare in campagna elettorale"

Commenti