COPPA ITALIA. ATALANTA affossata, ROMA ai quarti. Le PAGELLE

di 12.12.2012 0:12 CET
Pablo Daniel Osvaldo
Pablo Daniel Osvaldo Reuters

La potremmo definire una vittoria di concretezza quella della Roma di questa sera. Nonostante una buona Atalanta infatti, la squadra di Zeman riesce a dimostrare come meno occasioni, se meglio sfruttate, possano regalare ben tre reti. Dopo i primi venti minuti in cui la formazione di casa ha avuto un maggior possesso palla, ma zero opportunità vere e proprie, sblocca la partita Pjanic con la complicità di Consigli: al 21' un destro del centrocampista, potente ma centrale, viene malamente deviato dal portiere bergamasco, che lascia passare il pallone. Colantuono sprona i suoi e gli effetti si vedono subito: prima Cigarini, al 24', conclude con un bel rasoterra che preoccupa Stekelenburg, ma finisce a lato; poi Cazzola, su calcio d'angolo pochi minuti dopo, svetta su tutti di testa, ma il tiro sorvola la traversa. E proprio nel momento più positivo dell'Atalanta la stoccata di Osvaldo: l'attaccante s'inserisce nella difesa e, pescato molto bene da Destro, protegge la sfera dal sopraggiungere di Raimondi, tocca il pallone quanto basta per eludere Consigli, non impeccabile anche in quest'occasione, e ampliare il vantaggio giallorosso.

I primi venti minuti della ripresa non mancano di regalare emozioni: al 51' Destro firma il tabellino sfruttando al meglio un bell'assist di Pjanic, quest'oggi in gran forma; Osvaldo stende Matheu con una gomitata in area che non sfugge all'arbitro e si becca un cartellino rosso. Al 61', per concludere, Destro s'infortuna (verrà sostituito da Marquinho) e al giovane Lopez l'ingrato compito di gestire come unica punta l'attacco della squadra. Con la Roma sul 3 - 0 e in dieci uomini, Zeman preferisce difendere: De Rossi e Bradley vengono sistemati fissi davanti alla difesa a 4. Se prima l'Atalanta aveva qualche problema a trovare gli spazi e organizzare una solida azione d'attacco ora le cose di fanno ancor più difficili. Dalle parti giallorosse però l'ultima mezz'ora è tutta di Stekelenburg che salva il risultato in due occasioni: al 64' Brivio viene pescato da Maxi Moralez in area, ma il portiere devia in calcio d'angolo; all'82' Parra, da pochi metri, tenta di sorprendere l'ultimo difensore ancora di testa, bravo Stekelenburg nell'occasione a rimanere fermo e a parare. Nel finale spazio anche per Dodò, che si rende subito protagonista di una buona incursione in velocità, terminata con un tiro di Marquinho a lato.

L'Atalanta può recriminare per un sospetto calcio di rigore per fallo di mano di Piris, che salta un po' scomposto e colpisce il pallone di mano. I bergamaschi però sono stati graziati al 19', quando Russo decide che l'abbraccio di Raimondi su Destro non sia falloso, ma siamo veramente al limite.

TABELLINO:

ROMA - ATALANTA 3 - 0

ROMA (4-3-3): Stekelenburg 7,5; Piris 6,5; Burdisso 7; Romagnoli 6; Balzaretti 6 (75' Dodò 6); Bradley 6; De Rossi 6,5; Pjanic 7,5; Lopez 6,5; Osvaldo 6; Destro 6,5 (61' Marquinho 5,5). All. Zeman 6,5.

ATALANTA (4-4-2): Consigli 4,5; Raimondi 6; Lucchini 5,5; Matheu 6; Brivio 6,5; Schelotto 6,5; Cigarini 5,5 (45' De Luca 5,5); Cazzola 6; Moralez 6 (73' Troisi 5,5); Carmona 5; Denis 5 (54' Parra 5,5). All. Colantuono 6.

Arbitro: Carmine Russo 5

Marcatori: 21' Pjanic, 30' Osvaldo, 51' Destro

Ammoniti: 23' Pjanic (R), 56' Raimondi (A), 71' Moralez (A)

Espulsi: 54' Osvaldo

LEGGI ANCHE

VIDEO. IBRA e LAVEZZI incantano, il Psg dilaga

CALCIO. Prandelli: "Un onore aver allenato TOTTI". Le porte della NAZIONALE si spalancano?

PROVA TV per OLIVERA della FIORENTINA dopo il pestone a Pjanic

Commenti