Corea del Nord: Donald Trump schiera le navi da guerra contro le minacce di Kim Jong un

di 10.04.2017 10:00 CEST
Portaerei Carl Vinson
La portaerei Carl Vinson Yonhap/via REUTERS

Gli Stati Uniti hanno inviato una portaerei e altre navi da guerra nella penisola coreana per via delle crescenti preoccupazioni riguardanti i temi stilistici della Corea del Nord. La portaerei USS Carl Vinson, una nave della marina statunitense del gruppo d’attacco 1, si sta spostando verso l'Oceano Pacifico occidentale nei pressi della penisola coreana, ha dichiarato un funzionario statunitense sabato 8 aprile.

SEGUICI SU FACEBOOK  E SU TWITTER

Il capo del Comando del Pacifico USA, l'ammiraglio Harry Harris, ha dato indicazioni alla Carl Vinson di muoversi a nord nel Pacifico occidentale dopo aver lasciato Singapore sabato.

Un funzionario statunitense non identificato ha detto a Reuters riguardo i test missilistici della Corea del Nord: «Sentiamo che una maggiore presenza della Marina degli Stati Uniti sia necessaria».

La terza flotta della Marina degli Stati Uniti ha detto in un comunicato rilasciato sabato che il gruppo ha ricevuto istruzioni di navigare verso nord, ma senza specificare l'esatta destinazione. Le navi opereranno in gran parte nel Pacifico occidentale e non faranno le visite pianificate nei porti australiani, si legge nel comunicato.

La Corea del Nord ha di recente testato un missile SCUD che secondo i funzionari statunitensi è esploso in volo. Pyongyang ha inoltre portato avanti molteplici test di motori missilistici che dimostrano che il regime di Kim Jong-un sta lavorando per migliorare la sua tecnologia di missili balistici.

Alti funzionari di Pyongyang e lo stesso Kim hanno lasciato intendere che un test di un missile balistico intercontinentale oppure un test dello stesso tipo verrà condotto il 15 aprile, giorno in cui si celebra la nascita del fondatore dell'odierna Corea del Nord, Kim Il Sung.

La mossa arriva dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua controparte cinese Xi Jinping hanno concluso un summit in Florida, nel corso del quale la Corea del Nord era in cima all'agenda.

Trump ha inoltre avvertito che gli Stati Uniti potrebbero agire in maniera unilaterale (anche militarmente) per fermare il programma nucleare della Corea del Nord se la Cina dovesse esitare nell'uso del suo peso politico nei confronti di Pyongyang.